Vita Chiesa
stampa

Papa a Sarajevo: Ivanic (Bosnia), «tempo incomprensione per sempre dietro di noi»

«Desideriamo costruire insieme una società a misura d'uomo e a misura di tutte le religioni. La realizzazione di un tale progetto non è facile e rappresenta una grande sfida per i capi politici come per quelli religiosi, come per ogni cittadino». Così il presidente di turno della Bosnia e Erzegovina, il serbo Mladen Ivanic, ha accolto Papa Francesco nel palazzo presidenziale a Sarajevo.

Papa Francesco all'arrivo al Palazzo presidenziale di Sarajevo

«La sfida che dobbiamo raccogliere da ogni vittima del passato e con i nostri sacrifici del presente – ha detto Ivanic -deve dare un senso al nostro reciproco impegno per una società di pace, tolleranza, liberta e dignità». La Bosnia ed Erzegovina, ha ricordato il presidente, «è stata il simbolo della vera comprensione e dell’amore tra le differenti nazioni e religioni, ma anche il simbolo della profonda divisione, dei reciproci scontri e sofferenze. Crediamo che il tempo dell’incomprensione, dell’intolleranza e della divisione sia per sempre dietro di noi, speriamo di aver imparato la lezione del passato recente e che davanti noi ci sia un tempo nuovo, un tempo di comprensione e di riconciliazione, un tempo di collaborazione Abbiamo già fatto un grande progresso, purtroppo non si deve trascurare il fatto, che ancora oggi non si è realizzata la piena uguaglianza di tutti i cittadini in ogni parte di questo paese e per questo tutti insieme dobbiamo lavorare con grande dedizione».

Il presidente bosniaco ha ricordato l’impegno bosniaco nel campo delle relazioni «con i nostri vicini e con gli altri paesi della regione. Insieme con loro – ha spiegato - siamo pronti a lavorare per la riduzione dei nazionalismi, per una maggiore fiducia reciproca e per una funzionale e mutua collaborazione, con l’obiettivo di realizzare interessi comuni e il progresso economico dell’intera regione. L’idea della comunione, della solidarietà e della tolleranza – ha ribadito il Pontefice - sono a fondamento dell’Unione Europea, ed essa è casa dove ogni suo cittadino può vivere serenamente. Spero che la porta dell’Unione Europea sia aperta per tutti i paesi del sud-est Europeo che, con le riforme essenziali nel processo d’integrazione, desiderino diventare i suoi membri con pari diritti e doveri. Santità, aspettiamo il Suo sincero e pieno appoggio in questo nostro percorso». Sul versante dei rapporti con le Chiese, Ivanic ha rivendicato alla Bosnia il merito di aver adottato «tra i primi paesi nella regione», la legge sulla libertà delle chiese e delle comunità religiose. «Finora abbiamo stipulato gli accordi tra la Bosnia ed Erzegovina e la Santa Sede e il Patriarcato della Chiesa ortodossa serba di Belgrado. Questa è una buona base per operare nel campo della libertà di religione. Sono convinto – ha poi concluso - che la Sua visita contribuirà a una più intensa e a una migliore collaborazione tra i cittadini della Bosnia ed Erzegovina, La ringrazio a nome di tutti».

Fonte: Sir
Papa a Sarajevo: Ivanic (Bosnia), «tempo incomprensione per sempre dietro di noi»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento