Vita Chiesa
stampa

Papa in Armenia: il saluto di Karekin II a Gyumri, «Lei, grande amico del popolo armeno»

«Le diamo il benvenuto nella città di Gyumri, amato fratello in Cristo. È una grandissima gioia essere uniti oggi a lei nella preghiera, lei grande amico della Chiesa armena e del popolo armeno». Con queste parole Kerekin II, Supremo Patriarca e Catholicos degli Armeni, ha accolto Papa Francesco a Gyumri in piazza Vartanants sull’altare dove si stava celebrando la Santa Messa votiva della Misericordia di Dio, il rito latino. 

Percorsi: Armenia - Papa Francesco
Papa Francesco nella Messa a Gyumri

«Durante gli anni sovietici dell’ateismo – ha ricordato il Catholicos – molte chiese sono state distrutte o chiuse in Armenia e soltanto grazie alla zelante resistenza del nostro popolo, la Sede del Santo Etchmiadzin e poche altre chiese sono rimaste aperte». «Durante quel periodo la chiesa della Santa Madre di Dio di Gyumri ha aperto il suo grembo materno ed è diventato un rifugio e luogo di preghiera per tutti i cristiani dell’Armenia», che fu già allora un «segno tangibile dell’ecumenismo». «Amato fratello in Cristo – ha quindi proseguito il Catholicos – questa città con il suo cuore caldo ed ospitale porta però anche in sé il segno dell’angoscia. All’alba del XX secolo quando il nostro popolo fu vittima del genocidio, è stata colpita anche dall’attacco della politica devastante dell’impero ottomano. Anche oggi Gyumri si trova ad affrontare il problema delle frontiere chiuse come testimone del genocidio commesso un secolo fa e delle politiche negazioniste». Il Catholicos ha poi espresso al Papa la gratitudine dell’Armenia per l’aiuto che la Chiesa cattolica ha dato «in quei giorni difficili» con «amore fraterno» alle vittime del terremoto.

Papa in Armenia: il saluto di Karekin II a Gyumri, «Lei, grande amico del popolo armeno»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento