Vita Chiesa
stampa

Papa in Corea: il saluto del vescovo al centro di Kkottongnae

(dall’inviata Sir a KKottongnae) - “Ci proponiamo ancora una volta di fare del nostro meglio per essere una Chiesa povera per i poveri” e “ci metteremo in prima fila nel combattere i muri dei pregiudizi sociali nei confronti dei disabili e nel promuovere l’attenzione e comprensione per loro”.

Con queste parole il vescovo della diocesi di Cheongju, monsignor Gabriel Chang Bong-hun, ha dato il benvenuto a Papa Francesco nel centro di KKottongnae. Si tratta di una diocesi che sin dall’inizio della fondazione ha svolto varie opere per i poveri, gli ammalati e gli emarginati. Nella diocesi si sono promosse varie opere educative per i bambini disabili: la Scuola della Madonna per i bambini ciechi; la Scuola del Sacro Cuore per i bambini sordomuti; la Scuola dello Spirito Santo per i bambini con turbe emotive. Poi, nel 2001, i religiosi di KKottongnae hanno inaugurato “la Scuola di KKottongnae” per l’infanzia abbandonata e per quei bimbi di ragazze madri non desiderati per l’adozione a causa della menomazione innata. “Questi bambini - ha detto il vescovo al Papa - hanno subito il dolore di essere abbandonati ben due volte: prima, abbandonati dai propri genitori perché erano nati disabili, e poi abbandonati perché non sono stati adottati. Infatti nella società coreana ancora si esita ad adottare i bambini disabili”. 

Ed ha aggiunto: “Ora, nel Santo Padre che viene da lontano e accoglie questi bambini disabili e emarginati, vediamo sotto i nostri occhi l’amore di Dio che dice, ‘Si dimentica forse una donna del suo bambino, … io invece non ti dimenticherò mai’ (Is 49,15). Tale atto del Papa arriva a noi come un appello lanciato con tutta la forza in favore dell’amore preferenziale e dell’attenzione per i disabili”.

Fonte: Sir
Papa in Corea: il saluto del vescovo al centro di Kkottongnae
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento