Vita Chiesa
stampa

Papa in Kenya, incontro interreligioso: mai usare nome di Dio per giustificare odio e violenza, troppi giovani estremisti

«Il dialogo ecumenico e interreligioso non è un lusso. Non è qualcosa di aggiuntivo o di opzionale, ma è essenziale, è qualcosa di cui il nostro mondo, ferito da conflitti e divisioni, ha sempre più bisogno». Ne è convinto il Papa, che ha aperto la sua seconda giornata in Kenya incontrando i leader religiosi nel Salone della Nunziatura apostolica – dove risiede – a Nairobi (testo integrale).

Papa in Kenya, incontro interreligioso: mai usare nome di Dio per giustificare odio e violenza, troppi giovani estremisti

«Quando vengo a visitare i cattolici di una Chiesa locale, è sempre importante per me avere l’occasione d’incontrare i leader di altre comunità cristiane e di altre tradizioni religiose», ha esordito Francesco: «È mia speranza che questo tempo trascorso insieme possa essere un segno della stima della Chiesa nei confronti dei seguaci di tutte le religioni e rafforzi i legami d’amicizia che già intercorrono tra noi». «A dire il vero, il nostro rapporto ci sta mettendo dinanzi a delle sfide, ci pone degli interrogativi», ha ammesso il Papa: «Tuttavia, il dialogo ecumenico e interreligioso non è un lusso».

«Il Dio che noi cerchiamo di servire è un Dio di pace. Il suo santo Nome non deve mai essere usato per giustificare l’odio e la violenza», ha ricordato il Papa, che ha fatto subito dopo riferimento ad uno dei fatti più tragici che ha di recente vissuto il Kenya: «So che è vivo in voi il ricordo lasciato dai barbari attacchi al Westgate Mall, al Garissa University College e a Mandera».

«Troppo spesso dei giovani vengono resi estremisti in nome della religione per seminare discordia e paura e per lacerare il tessuto stesso delle nostre società», il grido d’allarme di Francesco: «Quant’è importante che siamo riconosciuti come profeti di pace, operatori di pace che invitano gli altri a vivere in pace, armonia e rispetto reciproco!», ha esclamato: «Possa l’Onnipotente toccare i cuori di coloro che perpetrano questa violenza e concedere la sua pace alle nostre famiglie e alle nostre comunità».

«In una società democratica e pluralistica come questa, la cooperazione tra i leader religiosi e le loro comunità diviene un importante servizio al bene comune», ha detto il Papa, che nel suo secondo discorso in Africa ha ricordato che «le credenze religiose e la maniera di praticarle influenzano ciò che siamo e la comprensione del mondo circostante. Esse sono per noi fonte di illuminazione, saggezza e solidarietà e in tal modo arricchiscono le società in cui viviamo». «Prendendoci cura della crescita spirituale delle nostre comunità, formando le menti e i cuori alla verità e ai valori insegnati dalle nostre tradizioni religiose, diventiamo una benedizione per le comunità nelle quali vive le nostra gente», l’invito di Francesco, secondo il quale «in un mondo sempre più interdipendente, si avverte con crescente chiarezza la necessità della comprensione interreligiosa, dell’amicizia e della collaborazione nel difendere la dignità conferita da Dio ai singoli individui e ai popoli, e il loro diritto di vivere in libertà e felicità». «Promuovendo il rispetto di tale dignità e di tali diritti», le religioni «interpretano un ruolo essenziale nel formare le coscienze, nell’instillare nei giovani i profondi valori spirituali delle rispettive tradizioni e nel preparare buoni cittadini, capaci di infondere nella società civile onestà, integrità e una visione del mondo che valorizzi la persona umana rispetto al potere e al guadagno materiale».

«Preghiamo per la pace!». Si è concluso con questa esortazione l’incontro del Papa con i leader religiosi. Da Nairobi, Francesco ha ricordato il 50° anniversario della chiusura del Concilio Vaticano II, nel quale «la Chiesa Cattolica si è impegnata nel dialogo ecumenico e interreligioso al servizio della comprensione e dell’amicizia». «Intendo riaffermare questo impegno, che nasce dalla convinzione dell’universalità dell’amore di Dio e della salvezza che Egli offre a tutti», le parole del Papa: «Il mondo giustamente si attende che i credenti lavorino insieme con le persone di buona volontà nell’affrontare i molti problemi che si ripercuotono sulla famiglia umana. Nel guardare al futuro, preghiamo affinché tutti gli uomini e le donne si considerino fratelli e sorelle, pacificamente uniti nelle e attraverso le loro differenze. Preghiamo per la pace!».

Fonte: Sir
Papa in Kenya, incontro interreligioso: mai usare nome di Dio per giustificare odio e violenza, troppi giovani estremisti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento