Vita Chiesa
stampa

Papa in Molise: un patto per il lavoro

(dall’inviata Sir a Campobasso) - “Il nostro Dio è il Dio delle sorprese, il Dio che rompe gli schemi”. Papa Francesco ha iniziato con queste parole, pronunciate a braccio come gran parte del suo primo discorso, l’incontro con il mondo del lavoro nell’Aula magna dell’Università del Molise (Campobasso).

Percorsi: Lavoro - Papa Francesco
Parole chiave: Molise (9)

“E se noi non abbiamo mai il coraggio di rompere gli schemi - ha proseguito - mai andremo avanti, perché il nostro Dio ci spinge a questo, ad essere creativi sul futuro”. “La mia visita in Molise comincia da questo incontro con il mondo del lavoro, ma il luogo in cui ci troviamo è l’università”, ha fatto notare il Papa, “e questo è significativo”, perché “esprime l’importanza della ricerca e della formazione anche per rispondere alle nuove complesse domande che l’attuale crisi economica pone, sul piano locale, nazionale e internazionale. Lo testimoniava poco fa il giovane agricoltore con la sua scelta di fare il corso di laurea in agraria e di lavorare la terra per vocazione”.

Sviluppo che rispetti il creato.“Un buon percorso formativo non offre facili soluzioni - ha ammesso il Santo Padre - ma aiuta ad avere uno sguardo più aperto e più creativo per valorizzare meglio le risorse del territorio”. “Questa è una delle grandi sfide della nostra epoca: convertirci ad uno sviluppo che sappia rispettare il creato”. Lo ha detto il Papa, che nel suo primo discorso in terra di Molise si è soffermato sul tema del “custodire” la terra, “perché dia frutto senza essere sfruttata”. “Il restare del contadino sulla terra”, ha poi aggiunto a braccio, “è fare un dialogo creativo, un dialogo dell’uomo con la sua terra che la fa fiorire, la fa diventare per tutti noi feconda”.

Conciliare lavoro e famiglia. “Cercare di conciliare i tempi del lavoro con i tempi della famiglia”. È l’appello del Papa, che nel suo primo discorso in Molise ha raccolto l’invito fatto dalla mamma operaia, Elisa Piermarino, che lo ha salutato poco prima parlando anche a nome della sua famiglia: “Il suo è un appello per il lavoro e, nello stesso tempo, per la famiglia”, le parole di Francesco, che l’ha ringraziata per la sua testimonianza. “Cercare di conciliare i tempi del lavoro con i tempi della famiglia”, per il Papa, “è un punto critico, un punto che ci permette di discernere, di valutare la qualità umana del sistema economico in cui ci troviamo”. “Quando vado al confessionale - ha proseguito a braccio, ricordando soprattutto l’esperienza di quando era arcivescovo a Buenos Aires - e vedo una mamma o un papà giovani, domando loro ‘quanti bambini hai?’, e subito dopo faccio un’altra domanda: ‘Tu giochi con i tuoi bambini? Perdi il tempo?”. “Stiamo perdendo questa scienza, questa saggezza”, le parole del Santo Padre, “di giocare con i nostri figli”. “La situazione economica ci spinge a fare questo”, ha commentato. “Per favore, perdiamo tempo con i bambini”.

No al lavoro di domenica. “Forse è giunto il momento di domandarci se quella di lavorare alla domenica è una vera libertà”. Parole forti, quelle del Papa, che nel suo primo discorso in Molise ha affrontato anche la “questione della domenica lavorativa, che “non interessa solo i credenti ma interessa tutti, come scelta etica”. “La domanda è: a che cosa vogliamo dare priorità?”, ha detto il Papa. “La domenica libera dal lavoro, eccettuati i servizi necessari - ha spiegato Francesco - sta ad affermare che la priorità non è all’economico, ma all’umano, al gratuito alle relazioni non commerciali ma familiari, amicali, per i credenti alla relazione con Dio e con la comunità”. “La domenica è lo spazio della gratuità”, ha rimarcato il Papa. “Forse è giunto il momento di domandarci se quella di lavorare alla domenica è una vera libertà”, ha concluso: “Perché Dio è il Dio delle sorprese, che rompe gli schemi - ha poi aggiunto a braccio - è un Dio che va sorpreso, perché noi diventiamo più liberi. È il Dio della libertà”.

Un patto per il lavoro. “Oggi vorrei unire la mia voce a quella di tanti lavoratori e imprenditori di questo territorio nel chiedersi che possa attuarsi qui un patto per il lavoro”. È l’appello del Papa, che nella parte conclusiva del suo primo discorso, incontrando il mondo del lavoro nell’Aula magna dell’Università del Molise, ha constatato che in questa Regione “si sta cercando di rispondere al dramma della disoccupazione mettendo insieme le forze in modo costruttivo”. “Tanti posti di lavoro - la proposta del Papa - potrebbero essere recuperati attraverso una strategia concordata con le autorità nazionali, un patto per il lavoro che sappia cogliere le opportunità offerte dalle normative nazionali ed europee”. “Vi incoraggio ad andare avanti su questa strada che può portare buoni frutti qui come anche in altre Regioni”, l’esortazione del Santo Padre, che poi a braccio ha indugiato sul concetto di “dignità” del lavoro. “Il lavoro - ha spiegato infatti fuori testo - non è soltanto necessario per vivere”. “Possiamo mangiare tutti i giorni, andiamo alla mensa della Caritas e ci danno da mangiare”, ha aggiunto. “Il problema è il non portare il pane a casa, perché questo toglie la dignità”, ha esclamato tra gli applausi: “Il problema più grosso non è la fame, che pure è un problema, ma difendere la nostra dignità”.

I testi dei discorsi di Papa Francesco

Fonte: Sir
Papa in Molise: un patto per il lavoro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento