Vita Chiesa
stampa

Prato, mons. Agostinelli: «Il dono dell'Eucarestia non ci faccia esser sordi ai bisogni dei fratelli»

«Che il dono dell’Eucaristia ci aiuti a non essere sordi ai bisogni delle tante persone angustiate. Altrimenti sarebbe ancora la sindrome di Caino che ci porterebbe a dire di non essere noi i custodi dei nostri fratelli». È l’invito accorato che il vescovo Franco Agostinelli ha rivolto ai pratesi dal pulpito di Donatello. Ieri sera per le strade del centro storico si è svolta la tradizionale processione del Corpus Domini, secolare manifestazione di fede, che la Chiesa, in tutte le sue componenti, dai sacerdoti ai laici, compie ogni anno riunendosi attorno al Santissimo Sacramento.

Prato, mons. Agostinelli: «Il dono dell'Eucarestia non ci faccia esser sordi ai bisogni dei fratelli»

Circa ottocento le persone che hanno partecipato camminando da piazza del Collegio, con partenza dall’Hospice «Fiore di primavera» fino a piazza Duomo, attraversando piazza delle Carceri e piazza del Comune. Presenti anche le istituzioni cittadine; sotto i rispettivi gonfaloni hanno sfilato il sindaco Matteo Biffoni, insieme ad alcuni rappresentanti della Giunta e del Consiglio comunale, e il presidente della Provincia Lamberto Gestri.

Tanti i laici, appartenenti ai diversi gruppi, movimenti e associazioni cattoliche, vestiti con le tradizionali divise: dagli scout Agesci ai Cavalieri del Santo Sepolcro, dalla brigata della Misericordia con i fratelli in cappa, ai terziari carmelitani e francescani. E poi Azione Cattolica, Mcl, Cavalieri del Sacro Cingolo, Unitalsi, Cursillos e molti altri ancora.

Recando in mano il Santissimo, mons. Agostinelli è salito sul pergamo di Donatello per impartire la benedizione eucaristica, ma prima ha rivolto il suo saluto ai pratesi in piazza.

Lavoro e famiglia, sono stati i due temi centrali nelle parole del Vescovo. «La famiglia in particolare – ha detto il Presule - è il primo e principale presidio della vita, fonte di energie morali e di tenuta sociale ed economica. Essa è tra i luoghi verso cui Papa Francesco ci invita a concentrare la nostra attenzione e impegno». Mentre il bisogno di un lavoro, «e di dignità per tutti», ha sottolineato, si è trasformato in un invito che mons. Agostinelli ha voluto rivolgere alle Istituzioni presenti: «Vogliamo farci voce presso di voi, in un momento che sappiamo essere estremamente impegnativo. Comprendiamo il vostro impegno, lo sforzo che fate per rispondere alle esigenze legittime e non più procrastinabili di tanta gente: vi preghiamo di non fermarvi, perché loro, i poveri, i bisognosi, vi guardano, vogliono avere ancora fiducia, ma la loro pazienza, anche se immensa, può aver raggiunto il limite di guardia».

Infine una riflessione sulle conseguenze, di tipo morale, che la forti difficoltà economiche stanno portando in città. «Anche nella nostra Prato – ha osservato il Vescovo – con l’aumento della crisi, sembra aumentato lo sfruttamento della prostituzione, sia nelle strade e nelle piazze, che nelle abitazioni private. Donaci Signore – ha detto mons. Agostinelli in forma di preghiera – la forza di diventare agenti di liberazione di tante profanazioni della dignità altissima delle donne e degli uomini, perché anche da questo si misura il grado della vera civiltà del nostro popolo».

(Foto di Antonio Rametta)

Fonte: Comunicato stampa
Prato, mons. Agostinelli: «Il dono dell'Eucarestia non ci faccia esser sordi ai bisogni dei fratelli»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento