Vita Chiesa
stampa

Quest’anno coincidono Natale cristiano e nascita del Profeta Maometto

È la prima volta che succede da 457 anni. Don Cristiano Bettega (Cei): «È come due voci che possono intonare un canto insieme». E dalla Francia, padre Vincent Feroldi parla di «un segno di Dio, in questi tempi difficili in cui la pace annunciata dagli angeli, la notte di Natale, è minacciata dalla follia degli uomini».

Percorsi: Islam - Natale
Quest’anno coincidono Natale cristiano e nascita del Profeta Maometto

Quest’anno la celebrazione della nascita di Gesù coincide con quella del Profeta Maometto. Il Mawlid sarà celebrato dal mondo islamico il 24 dicembre in terra araba e il 25 dicembre nel resto del pianeta. È la prima volta che succede da 457 anni. Bisogna risalire al 1558 per trovare una simile configurazione temporale, visto che i musulmani utilizzano un calendario che si basa su una scansione del tempo puramente lunare. La notizia è apparsa sommessamente nei media italiani mentre da qualche giorno, media algerini e marocchini hanno fortemente sottolineato la coincidenza storica. Una certa rilevanza alla notizia è stata data in Belgio mentre in Francia, il programma «Islam» in onda su France 2 il 27 dicembre ne farà il tema del giorno. Attorno all’evento si sono mobilitate alcune diocesi francesi, da Metz, ad Angers a Lille.

«È come due voci che possono intonare un canto insieme». Così don Cristiano Bettega, direttore dell’Ufficio Cei per l’ecumenismo e il dialogo, commenta la coincidenza delle due date. «Non credo molto nelle coincidenze – osserva il direttore dell’ufficio Cei -. Penso piuttosto che se crediamo che Dio guida la storia, allora dobbiamo anche credere che questa assonanza di date può essere letta come una provocazione di Dio a costruire ponti e non muri. Le spiegazioni scientifiche sulla coincidenza delle date ci sono. Ma a noi credenti è richiesto di fare un passo in più e di leggere la storia con occhi di fede». «Anche questa può diventare un’ulteriore occasione di dialogo per scoprire quanto di bello e di buono ci sono nelle nostre tradizioni».

Non si tratta di cedere al sincretismo. Gesù, Verbo fatto carne, e il Profeta Maometto sono due «figure molto diverse tra loro» ma è indubbio che quest’anno musulmani e cristiani si trovano a celebrare nello stesso giorno la nascita di «due figure imprescindibili e preziose della storia. Come nessun cristiano può prescindere dal confronto con Cristo, Figlio di Dio fatto uomo – osserva don Bettega -, così nessun musulmano può prescindere dal confronto con Maometto, il Profeta della rivelazione coranica».

«Questa festa – spiega padre Vincent Feroldi, direttore del Servizio nazionale per le relazioni con i musulmani della Conferenza episcopale francese – permette ai musulmani di esprimere la loro riconoscenza al Profeta, di richiamare le sue virtù, di pregare e vivere un felice momento in famiglia». In una riflessione pubblicata sul sito dell’episcopato francese, Feroldi scrive: «Siamo coscienti di ciò che ci unisce e di ciò che ci divide. Ma questa simultaneità delle feste è una grande opportunità di incontro e scambio». E aggiunge: «in questa rarissima unità di date, molti vogliono vederci un segno di Dio, in questi tempi difficili in cui la pace annunciata dagli angeli, la notte di Natale, è minacciata dalla follia degli uomini».

È l’Imam di Firenze, presidente delle Comunità islamiche in Italia (Ucoii) Ezzedine Elzir a spiegare che cosa è il Mawlid, per i musulmani . «Mawlid è natale, è nascita», dice. E celebrare la nascita del profeta Maometto «significa rivivere il suo messaggio, attualizzarlo e metterlo in pratica. In particolare il versetto coranico: ‘non ti abbiamo mandato se non una Misericordia per tutta l’umanità’». Anche l’imam invita a non cedere ad alcun sincretismo. «Sono due figure storiche diverse», dice. «Ma a prescindere dal dato storico che si è conciliato, noi dobbiamo cercare di vivere questo fatto come un’occasione per riflettere di più su come possiamo dialogare e conoscerci meglio gli uni e gli altri, senza cadere nel sincretismo. «Questi momenti devono aiutare a scoprire le nostre radici, essere orgogliosi di noi stessi e accogliere la diversità».

Fonte: Sir
Quest’anno coincidono Natale cristiano e nascita del Profeta Maometto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento