Vita Chiesa
stampa

Salvador: centenario della nascita di mons. Romero

Giungono al momento culminante nel Salvador le iniziative promosse per celebrare il centenario della nascita del beato vescovo martire Oscar Arnulfo Romero, che sarà festeggiato il 15 agosto. Il card. Gregorio Rosa Chávez lo ricorda con un articolo sull'«Osservatore Romano».

mons. Romero (Foto Sir)

Inizia oggi, venerdì 11 agosto, di buon’ora (alle 5 del mattino), l’iniziativa «In cammino con Romero», un pellegrinaggio a piedi che si protrarrà fino a domenica, portando i partecipanti dal luogo del martirio (la cattedrale di San Salvador) al luogo natale di mons. Romero (Ciudad Barrios). Il primo atto del pellegrinaggio, che avrà come slogan «Camminando fino alla culla del profeta», sarà una celebrazione eucaristica in cattedrale presieduta dall’arcivescovo di San Salvador, mons. José Luis Escobar Alas. Le soste serali del pellegrinaggio saranno a San Vicente e Chapeltique.

In tutto, il pellegrinaggio sarà di 157 chilometri: 98 saranno percorsi a piedi dai partecipanti, gli altri in bus. Tra gli iscritti anche il neocardinale José Gregorio Rosa Chávez, vescovo ausiliare di San Salvador e già segretario di mons. Romero. Durante le pause del pellegrinaggio saranno organizzati nelle varie località dei brevi momenti di preghiera.

Dopo il pellegrinaggio, tre messe solenni saranno celebrate il 12 agosto alle ore 10 a Santa Ana, il 13 agosto alle 10 a Ciudad Barrios e, infine, il 15 agosto nella cattedrale di San Salvador. La celebrazione per li centenario della nascita di mons. Romero sarà presieduta dall’inviato del Papa, il cardinale Ricardo Ezzati, arcivescovo di Santiago del Cile.

«La Chiesa deve sempre dialogare con il mondo e ascoltare prima, per poter rispondere. È questo che caratterizzava mons. Romero come mons. Rivera: seppero rispondere nel loro momento alla storia». Lo afferma il card. Gregorio Rosa Chávez, vescovo ausiliare di San Salvador, in un articolo pubblicato da «L’Osservatore Romano» che verrà inserito anche sul numero monografico speciale dell’edizione in spagnolo del quotidiano dedicato a Óscar Arnulfo Romero. «L’occasione – scrive Chávez – è propizia per affermare che siamo in debito con Rivera. Non è giusto che dimentichiamo la sua testimonianza e non soltanto per la sua instancabile lotta per portare il Paese alla pace, ma per essere il fedele continuatore dell’eredità di Romero». «Un altro debito aperto – aggiunge – lo abbiamo nei confronti di mons. Luis Chávez y González. Egli fu l’architetto della Chiesa che stiamo vivendo. Annunciò che questa Chiesa si dichiarava ‘in stato di concilio’, vale a dire che assumeva in anticipo ciò che questa assemblea avrebbe dato alla Chiesa». Per il cardinale, «Chávez, Romero e Rivera sono tre colonne sulle quali poggia la nostra Chiesa arcidiocesana». Richiamando le parole che Papa Francesco disse ai giovani a Rio de Janeiro, il cardinale osserva che «oggi ci sono molti giovani impegnati con la Chiesa, con molto entusiasmo, con grande creatività. Però manca una cosa: non li stiamo preparando a cambiare la storia». Per Chávez, «noi che siamo alla guida e abbiamo più esperienza in questa Chiesa» dobbiamo «preparare la generazione che viene a cambiare la storia che tanto ci sta facendo soffrire». «Le celebrazioni di quest’anno – aggiunge – hanno avuto come tema il centenario della nascita di mons. Romero e la natura martiriale della nostra Chiesa».

«Siamo una Chiesa di martiri», rileva, riconoscendo che «ci risulta facile applicare questo qualificativo quando parliamo di Romero, dei sacerdoti assassinati e delle quattro donne statunitensi ai quali fu tolta la vita nel dicembre 1980». «Tuttavia – prosegue il cardinale – abbiamo un debito che dobbiamo cominciare a saldare quanto prima: siamo obbligati per gratitudine a Dio e per amore della verità a riscattare la memoria di cento martiri anonimi, la maggior parte dei quali sono umili contadini e contadine». In un Paese in cui «si continua a chiamare martiri coloro che impugnarono le armi e morirono seguendo un ideale» e «il termine continua a essere scomodo per buona parte della popolazione salvadoregna», Chávez ribadisce che «per noi martire significa testimone». Il cardinale ricorda poi che «migliaia di uomini e donne di ogni età e condizione sociale venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 di questo mese» si metteranno in marcia per ricordare «per la prima volta nella nostra storia il cammino di Romero». Secondo Chávez, «un popolo che si mette in cammino, con fede, in profonda preghiera, chiedendo l’intercessione del beato Romero per ottenere il dono tanto ambito della pace, è un popolo che non sarà vinto. È invincibile».

Fonte: Sir
Salvador: centenario della nascita di mons. Romero
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento