Vita Chiesa
stampa

Segreteria di Stato: «Monsignore» solo dopo i 65 anni

La Segreteria di Stato ha stabilito che d'ora in poi l'unico titolo onorifico di «monsignore» sarà quello di «Cappellano di sua Santità» e sarà attribuito a sacerdoti oltre i 65 anni di età e non più, come in passato, dai 35.

Il titolo continuerà invece a essere usato, tra gli altri, per i vescovi e negli Uffici della Curia romana. È quanto risulta da una recente disposizione della Segreteria di Stato che, con una lettera circolare inviata alle nunziature, chiede d'informare i singoli episcopati «che d'ora in poi nelle diocesi l'unico ‘titolo ecclesiastico' onorifico che verrà concesso (e a cui corrisponderà l'appellativo di ‘monsignore') sarà quello di ‘Cappellano di Sua Santità', e sarà attribuito solo a sacerdoti che abbiano compiuto il 65.mo anno di età».

L'uso dell'appellativo rimane invece «invariato» quando sia «connesso a certi uffici importanti», come quello di vescovo o di vicario generale della diocesi. Nessuna variazione, invece, per la Curia Romana, sia per ciò che concerne i titoli sia circa l'uso dell'appellativo «monsignore». Tale norma, tuttavia, «non ha effetto retroattivo», per cui chi abbia «ricevuto un titolo in precedenza lo conserva».

Nessuna novità, infine, per le onorificenze pontificie per laici. La decisione di Papa Francesco, precisa la Segreteria di Stato, è in linea con quanto deciso da Paolo VI, che nel 1968 aveva ridotto a tre i titoli ecclesiastici onorifici.

Fonte: Sir
Segreteria di Stato: «Monsignore» solo dopo i 65 anni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento