Vita Chiesa
stampa

Sinodo famiglia: Instrumentum laboris, unioni gay: si rispetto, no ad adozione

“Non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia”, ma ciononostante “gli uomini e le donne con tendenze omosessuali devono essere accolti con rispetto, compassione e delicatezza”. 

Parole chiave: unioni gay (9)

Nell’Instrumentum laboris, sulle unioni gay si ribadisce la posizione tradizionale della Chiesa. “Tutte le Conferenze episcopali - si rende noto - si sono espresse contro una ‘ridefinizione’ del matrimonio tra uomo e donna attraverso l’introduzione di una legislazione che permette l’unione tra due persone dello stesso sesso”. Di fronte alla politica del “gender”, la “grande sfida” per la Chiesa “sarà lo sviluppo di una pastorale che riesca a mantenere il giusto equilibrio tra accoglienza misericordiosa delle pene e accompagnamento graduale verso un’autentica maturità umana e cristiana”. Le risposte al Questionario, inoltre, si pronunciano “contro una legislazione che permetta l’adozione a bambini di persone in unione dello stesso sesso”, perché a rischio c’è “il bene integrale del bambino, che ha diritto ad avere una madre e un padre”. Tuttavia, se queste persone chiedono il battesimo per il bambino, quest’ultimo deve essere accolto con “la stessa cura, tenerezza e sollecitudine che si ha nei confronti degli altri minori”.

Fonte: Sir
Sinodo famiglia: Instrumentum laboris, unioni gay: si rispetto, no ad adozione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento