Vita Chiesa
stampa

Strage a Monaco, Papa Francesco al card. Marx. «Profonda vicinanza e partecipazione» nel dolore

Papa Francesco ha espresso in un telegramma al card. Marx tutto il suo dolore  per l'uccisione di tante persone a Monaco di Baviera. Sull'episodio è intervenuto con una riflessione su un canale televisivo l'arcivescovo di Monaco.

Strage a Monaco di Baviera (Foto Sir)

«Papa Francesco ha appreso con costernazione le notizie del terribile fatto di violenza avvenuto a Monaco, in cui diverse persone, soprattutto giovani, hanno trovato la morte e molte altre sono state gravemente ferite»: così ha scritto il cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin in un telegramma di cordoglio inviato al card. Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco-Frisinga, dopo l’attentato di venerdì nel centro commerciale Olympia della città bavarese. «Sua Santità partecipa al dolore dei sopravvissuti ed esprime loro la sua vicinanza nella sofferenza. Affida nella preghiera i defunti alla misericordia di Dio», si legge ancora nel messaggio attraverso cui il Papa «manifesta la sua profonda partecipazione a tutti coloro che sono stati colpiti da questo attentato». Nel breve messaggio, Papa Francesco «ringrazia le forze di soccorso e dell’ordine per il loro impegno attento e generoso». Concludendo il telegramma, il card. Parolin scrive che «Papa Francesco prega Cristo, il Signore della vita, di donare a tutti conforto e consolazione e imparte loro la benedizione apostolica come pegno di speranza».

«Possiamo tornare alla nostra vita quotidiana dopo eventi terribili come Nizza, Würzburg e adesso Monaco di Baviera?»; «da dove viene questo scatenamento di violenza e di odio che sembra svilupparsi senza fine?». Queste domande ha posto l’arcivescovo di Monaco-Frisinga, card. Reinhard Marx, in una riflessione andata in onda sul canale Ard, nella serata di sabato scorso nella trasmissione «Wort zum Sonntag» (Parole per la domenica). Alla luce dell’«orrore, dolore e spavento» vissuti dalla «vivace e ospitale» capitale bavarese, il cardinale ha affermato che «la paura è la causa più profonda del peccato ma anche della violenza e dell’odio» e si è dichiarato convinto che causa di questi atti di violenza, che «germogliano politicamente a destra e a sinistra, che hanno radici e sostegno religioso, come nel caso del radicalismo islamico» sia «la paura di perdere il proprio mondo di riferimento considerato come assoluto». In quest’orizzonte, gli altri sono visti come «una minaccia, come nemici da eliminare, emarginare, reprimere o addirittura uccidere». Secondo il cardinale, il terrorismo, così come questi «pazzi che vanno in giro ad uccidere», indossano «l’arma della paura» e con essa vogliono «avvelenare la nostra convivenza sociale» perché «la paura porta alla diffidenza, ai pregiudizi, all’odio, all’ostilità all’interno di una società e tra le nazioni e tra le religioni». «Come cristiani non possiamo e non vogliamo permettere che la paura domini sulle nostre vite», ha affermato il card. Marx.

«Uno Stato sano, una sana convivenza possono esistere solo in un’atmosfera di fiducia, rispetto e solidarietà», ha sostenuto il card. Reinhard Marx, esprimendo vicinanza e preghiera per chi è stato in qualche modo colpito dall’attentato. «Se non si impara sempre e di nuovo a vivere gli uni con gli altri e gli uni per gli altri nella diversità in cui siamo di tradizioni, credenze, religioni e confessioni», allora «i terroristi e chi opera violenza continueranno a spargere semi di paura, violenza e odio». Compiti precisi spettano anche alle strutture che regolano la società nel fare «di tutto per proteggere i propri cittadini dalla violenza e dall’ingiustizia» e a questo proposito il cardinale ha ringraziato «tutti i responsabili della politica e della polizia per questi sforzi». Tuttavia, ha dichiarato il cardinale, «noi cristiani ci ribelleremo»: «attraverso la preghiera a Dio e Padre di tutti, attraverso la testimonianza del Vangelo in parole e opere, attraverso il nostro impegno per tutti gli oppressi, indipendentemente dalla loro origine, religione o colore della pelle». Un tale atteggiamento dei cristiani non è ingenuo e naif, ha concluso il cardinale di Monaco «poiché il futuro non appartiene alla violenza, all’odio e alla lotta l’uno contro l’altro, ma alla speranza che nella dimora comune della terra la famiglia umana trovi casa».

Fonte: Sir
Strage a Monaco, Papa Francesco al card. Marx. «Profonda vicinanza e partecipazione» nel dolore
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento