Vita Chiesa
stampa

I 75 anni della fraternità

Taizé: frère. Alois, «Donne e uomini non hanno bisogno di cristiani tiepidi»

Parla frère Alois, priore della Comunità: «Perché sia autentica e all’altezza dei tempi, la nostra risposta alle sfide nuove della nostra epoca deve essere profondamente ancorata nella fede della Chiesa». E ancora: «I giovani sembrano felici di venire. Molti ci fanno visita perché sono abitati da una reale sete spirituale». Quest’anno frère Roger, il fondatore, avrebbe avuto 100 anni e il 16 agosto sarà il 10° anniversario della sua morte

Percorsi: Ecumenismo - Giovani - Taizé
In preghiera a Taizé

Taizé: una storia lunga 75 anni. All’inizio fu una novità dirompente sia per l’Europa che per la Chiesa. Un sogno di riconciliazione possibile in un continente lacerato dalla seconda guerra mondiale e in una Chiesa alla ricerca dell’unità. Oggi Taizé è una realtà. Stimata dai leader della Chiese cristiane e dai responsabili dell’Unione europea. Apprezzata soprattutto dai giovani che ne fanno una delle loro mete preferite di viaggi e pellegrinaggi. Il 2015 è per la Comunità di Taizé un anno di celebrazioni con tre anniversari importanti: il 12 maggio, frère Roger, il fondatore, avrebbe avuto 100 anni e il 16 agosto sarà il 10° anniversario della sua morte. Inoltre quest’anno si celebra anche il 75° anniversario della fondazione della comunità e per l’occasione dal 9 al 16 agosto, migliaia di giovani del mondo intero parteciperanno a un «Raduno per una nuova solidarietà». Dalla morte di frère Roger, la comunità è guidata da frère Alois. Lo abbiamo intervistato.

Qual è il contributo più prezioso che il carisma di fr. Roger ha dato all’Europa, ai giovani e alla Chiesa?

«In questo anno di anniversario per la nostra comunità, noi rendiamo grazie per la vita di fr. Roger, il nostro fondatore. Non si tratta di volgere lo sguardo verso il passato ma piuttosto di gioire insieme dei frutti che la sua vita continua a portare. All’indomani della seconda guerra mondiale, l’urgenza era di vivere la riconciliazione tra popoli divisi. L’unità della famiglia umana è stata l’idea-forza della vita di fr. Roger che ha contribuito al processo della costruzione europea proprio per l’accento che ha sempre dato alla necessità della riconciliazione. Riguardo invece ai giovani, il contributo di fr. Roger si fonda su una intuizione fondamentale: non c’è contraddizione tra la vita interiore e la solidarietà umana, al contrario vi è un legame profondo tra le due dimensioni. Come affermava il teologo ortodosso Olivier Clément, i giovani possono fare a Taizé una scoperta sorprendente: nulla è più responsabile della preghiera. Preghiera e impegno sono per fr. Roger, le facce di una stessa fede. E infine, per ciò che concerne la Chiesa, il suo contributo più importante resta l’instancabile ricerca dell’unità. Fin dall’inizio, fr. Roger ha posto la ricerca dell’unità al cuore della vita della comunità. Ancora oggi, i frère, cresciuti in differenti Chiese, vivono ‘sotto lo stesso tetto’, anticipando l’unità che verrà».

L’intuizione carismatica di fr. Roger non fu immediatamente compresa dalla Chiesa. Come irrompono nella Chiesa le «novità» dello Spirito Santo?

«Il Concilio Vaticano II che è stato un momento essenziale per fr. Roger e per tutta la nostra comunità, ha evidenziato la ricerca dei ‘segni dei tempi’. Non si tratta certo di adeguarsi per forza a tutte le evoluzioni delle nostre società che sono spesso preoccupanti, quanto piuttosto di essere attenti al mondo di questo tempo per discernervi le ‘spinte dello spirito’, come le chiamava p. Henri de Lubac. Il primo criterio di discernimento deve essere la fedeltà al cuore del Vangelo. In questo senso mi sembra un’intuizione giusta la decisione di papa Francesco di porre la misericordia al centro del messaggio della Chiesa. La misericordia non implica un ‘Vangelo a buon mercato’. Al contrario: è per noi il cuore del messaggio di Cristo espresso nelle Beatitudini con un trittico caro a fr. Roger: gioia, semplicità, misericordia. Perché dunque sia autentica e all’altezza dei tempi, la nostra risposta alle sfide nuove della nostra epoca, deve essere profondamente ancorata nella fede della Chiesa. Le donne e gli uomini di questo tempo non hanno bisogno di cristiani tiepidi che edulcorano la radicalità evangelica per accomodarla alle contraddizioni del tempo, ma al contrario di credenti che sanno andare alle sorgenti della fede e aiutano a scoprire l’essenziale».

Qual è oggi il «segreto» del successo di Taizé soprattutto tra i giovani?

«Non parlerei di successo ma del mistero di un incontro che sorprende ancora. Ciò che i giovani vivono da noi è esigente con le preghiere comuni tre volte al giorno, le introduzioni bibliche quotidiane, le condivisioni in piccoli gruppi. Ciò nonostante i giovani sembrano felici di venire. Mi sembra di poter dire che molti ci fanno visita, perché sono abitati da una reale sete spirituale. Pongono domande essenziali. E dietro al carattere gioioso degli incontri, noi raccogliamo spesso la loro sofferenza, la mancanza di un orientamento. I giovani hanno bisogno di persone che li ascoltano. Se si sentono accolti come sono, allora i loro orecchi e il loro cuore possono aprirsi al Vangelo».

Come risponde Taizé all’invito di papa Francesco ad essere «Chiesa in uscita»?

«Questo appello costante di papa Francesco a superare i limiti visibili della Chiesa per mettersi in cammino verso tutti coloro che non ne fanno parte, ci dà gioia. Chiede di rinnovarci costantemente in una sorta di decentramento. Mettendomi in ascolto dei giovani, mi rendo sempre più conto che occorre mettere in atto nuove solidarietà per affrontare nuove forme di povertà che sono oggi legate allo spostamento forzato delle popolazioni, alle catastrofi ecologiche, alle ineguaglianze, alla disoccupazione di massa, alle violenze di ogni tipo. Un’altra periferia invisibile presente nelle nostre società è la solitudine. Evocheremo tutte queste sfide nel nostro incontro di metà agosto con migliaia di giovani del mondo intero. Nel corso di questa settimana particolare, i frère che vivono in Africa, Asia e America Latina rientreranno tutti a Taizé. Fr. Roger aveva esortato i frère a partire per tutti i continenti e a vivere tra I poveri, nelle ‘periferiè».

Quale augurio e speranza ha fr. Alois oggi per Taizé ?

«Che restiamo fedeli. La nostra testimonianza a Taizé non risiede in una addizione di carismi personali, ma nella gioia della vocazione comune. Cerchiamo di essere un segno di riconciliazione per il fatto che dei fratelli vivono sotto lo stesso tetto, pur essendo di diverse confessioni, di una trentina di Paesi e di origini culturali differenti, come differenti sono i volti dell’umanità. Ciò che è il bello, è essere fratelli gli uni per gli altri, accettando l’alterità e gioendo della diversità».

Fonte: Sir
Taizé: frère. Alois, «Donne e uomini non hanno bisogno di cristiani tiepidi»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento