Toscana
stampa

Prato, accolto appello del vescovo: non chiude il Monte dei Pegni

Il Monte dei Pegni di Prato non chiuderà. La decisione, assunta ieri pomeriggio dal Consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Vicenza, è stata comunicata questa mattina dal presidente Gianni Zonin al vescovo di Prato monsignor Franco Agostinelli, durante un incontro che si è tenuto in palazzo Vescovile.

Era stato Zonin a chiedere di essere ricevuto a seguito dell'accorato appello che il presule aveva lanciato in occasione della festa dell'Assunzione, il 15 agosto. Poche settimane prima, tramite un avviso alla clientela, l'istituto bancario veneto - che ha incorporato la storica Cariprato - aveva comunicato di voler chiudere l'antico servizio di prestito su pegno. Soddisfatto, al termine dell'incontro, monsignor Agostinelli: «Ho trovato molta disponibilità nel presidente Zonin. La Banca Popolare di Vicenza si è resa conto che il servizio del Monte dei Pegni ha una valenza sociale importante che, in questi tempi di crisi acuta, merita di essere preservata anche a costo di sopportare alcuni oneri economici». L'annunciata chiusura del Monte dei Pegni aveva gettato nell'angoscia tante famiglie. Da notizie di stampa nelle settimane passate risultavano mille le polizze attive, per un valore di 900.000 euro. Cinquemila le operazioni nell'ultimo anno. Se la Popolare di Vicenza avesse soppresso il servizio, i beni impegnati, se non riscattati, sarebbero stati messi all'asta.

Fonte: Sir
Prato, accolto appello del vescovo: non chiude il Monte dei Pegni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento