Vita Chiesa
stampa

Fidanzamento: un tempo per imparare la tenerezza

Fidanzati siate teneri. Il che non vuol dire sdolcinati e un po' molli. Anzi. La tenerezza è il desiderio di amare e di essere amati, è uno stato dell'anima ed è l'unico antidoto alla collera, alla paura e alla tristezza. Tutte parole di monsignor Carlo Rocchetta, teologo pratese, insegnante, già consulente nazionale della Coldiretti e fondatore, a Perugia, della Casa della Tenerezza. Una comunità che cerca di contribuire al progetto di Dio sulla coppia e sulla famiglia, dove si accolgono quelle in crisi e si propone una spiritualità della tenerezza.  E se non addirittura il mondo, quest'ultima, salverà le coppie che sapranno sceglierla.

Parole chiave: fidanzati (14), matrimonio (86), pastorale familiare (12)
Fidanzamento: un tempo per imparare la tenerezza

di Fabio Barni

Fidanzati siate teneri. Il che non vuol dire sdolcinati e un po' molli. Anzi. La tenerezza è il desiderio di amare e di essere amati, è uno stato dell'anima ed è l'unico antidoto alla collera, alla paura e alla tristezza. Tutte parole di monsignor Carlo Rocchetta, teologo pratese, insegnante, già consulente nazionale della Coldiretti e fondatore, a Perugia, della Casa della Tenerezza. Una comunità che cerca di contribuire al progetto di Dio sulla coppia e sulla famiglia, dove si accolgono quelle in crisi e si propone una spiritualità della tenerezza.  E se non addirittura il mondo, quest'ultima, salverà le coppie che sapranno sceglierla.

Il sacerdote ha proposto la tenerezza ai fidanzati (tanti) riuniti venerdì sera nel Duomo di Prato, introdotto dal vescovo Gastone Simoni e accompagnato da una coppia di giovani testimoni, Giada e Simone. Coppie sulla via del matrimonio, per lo più giovani, ma anche qualche persona più avanti negli anni hanno ascoltato senza accennare a smanie per il tempo che passava e che, a dirla tutta, è volato via.

Tenerezza come stile di vita, insomma, e come adesione profonda al disegno di Dio. Con una premessa. Monsignor Rocchetta ha iniziato la sua relazione suggerendo alle coppie presenti in cattedrale di «recuperare la parola fidanzati al posto di stare insieme». Insieme, del resto, si sta anche al bar, mentre una coppia che nasce e che si mette in cammino è qualcosa di più di una bibita ghiacciata. «I fidanzati sanno che deve avvenire qualcosa di grande - ha spiegato il sacerdote - e quello del fidanzamento è un tempo di maturazione» durante il quale chiedersi e chiedere "chi sono io, chi sei tu, chi siamo noi per Dio». Senza contare, appunto, che «il matrimonio si costruisce prima del matrimonio», perché se è vero che «la grazia suppone la natura» per dirla con Tommaso D'Aquino, il sacramento «opera su ciò che trova». 

Tenerezza, dunque, prima di presentarsi insieme all'altare (e anche da sposati, s'intende) perché il solo desiderio non basta e, per giunta, la «tenerezza sta alla sessualità come l'anima sta al corpo». Invece, di questi tempi, «genitalità e sessualità sono confuse. La sessualità - avverte il sacerdote - è dimensione costitutiva di ogni persona, creata a immagine e somiglianza di Dio, e non un fatto puramente fisico».

Ciò per dire, riassumendo per sommi capi, che «fare del sesso», espressione brutta quasi come la morte, non esaurisce il discorso. L'insieme degli stessi gesti sessuali è ben più ampio e, nel contesto di una crescita all'insegna della tenerezza, il rapporto completo prematrimoniale viene bocciato perché quanto meno insufficiente e addirittura dannoso. Alimentata dai due poli di «desiderio» e «tenerezza», l'energia vitale che deriva dalla sessualità umana può trasoformarsi, secondo monsignor Rocchetta, in «energia di morte« se perde appunto di vista la tenerezza. 

Siate teneri, allora. È il miglior modo per non divenire collerici, paurosi e tristi. Con tutti i rischi, per la salute mentale e anche fisica, che ne derivano.

A Firenze c'è la «Casa sulla roccia», a Volterra «tre passi nell'amore»
A Firenze è partito, da qualche anno, un ciclo di incontri riservato ai fidanzati. Non il classico «corso» di preparazione al matrimonio fatto in fretta a furia in mezzo agli altri preparativi, tra la lista degli invitati e il menù del ristorante, ma un cammino pensato per giovani coppie che vogliono vivere il loro «stare insieme» come un momento di crescita, anche nella fede.
«La Casa sulla roccia» è una proposta portata avanti dal Centro diocesano famiglia con l'Azione Cattolica fiorentina, che nel corso degli anni si è avvalsa della collaborazione del Centro diocesano giovani e dei vari vicariati, quest'anno in particolare di quello di Porta al Prato. Si tratta di un ciclo di appuntamenti mensili guidati da alcune coppie di sposi. All'ascolto di testimonianze e di relazioni si alterna anche un momento di lavoro di gruppo, in cui approfondire la conoscenza degli altri per condividere un cammino comune. Iniziato il 30 gennaio, l'itinerario per giovani coppie andrà avanti fino a maggio e poi riprenderà il prossimo anno.
Anche l'Azione cattolica di Volterra propone un percorso di formazione per fidanzati e giovani coppie alla scoperta del «tempo di grazia» che stanno vivendo. Si intitola «Tre passi nell'amore», ed è un percorso in tre tappe iniziato lo scorso dicembre con un incontro sulla corporeità. A febbraio c'è stato il secondo appuntamento; a giugno ci sarà il terzo, sul tema della testimonianza.

Fidanzamento: un tempo per imparare la tenerezza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento