Terremoti

Ultimi contenuti per il percorso 'Terremoti'

La Caritas messicana ha emesso, nelle prima ore del mattino (ora locale) e dopo un intenso lavoro notturno, un secondo bollettino sulla situazione a quasi 72 ore dal terremoto di 7.1 gradi della scala Richter, che ha colpito il Messico centrale e in particolare Città del Messico e gli stati di Puebla, Morelos, Guerrero, México, Tlaxcala, Oaxaca e Veracruz. Secondo i dati ufficiali, le vittime finora accertate sono 251, i feriti 476, più di 15mila le case distrutte.

È iniziata in Messico (ora locale) la seconda notte dopo il forte terremoto che ha colpito Città del Messico, a 120 chilometri dell’epicentro e gli stati di Morelos, Puebla, México, Tlaxcala e Guerrero e Oaxaca. Secondo il più recente bollettino emesso dalla Caritas messicana nel pomeriggio di ieri (in serata in Italia) il bilancio provvisorio delle vittime è di 248: di queste, 117 a Città del Messico, 72 nel Morelos, 43 nello stato di Puebla (7 nella capitale), 12 nello stato di México, tre nel Guerrero e uno in Oaxaca.

Per «educare alla speranza», il Papa ha tenuto oggi in piazza San Pietro una catechesi tutta infarcita di imperativi gentili: per questo, ha spiegato ai fedeli, ha scelto di rivolgersi a ciascuno di loro con il «tu», «immaginando di parlare a un giovane, o a qualsiasi persona aperta ad imparare». La preghiera per le vittime del terremoto in Messico.

«Ci uniamo al dolore per le vittime del sisma, accaduto oggi, 19 settembre, in varie località del nostro Paese e principalmente negli stati di Morelos, Tlaxcala, Puebla, Guerrero, Oaxaca, México e Città del Messico». Lo si legge nel comunicato della Conferenza episcopale messicana, diffuso dopo la forte scossa di terremoto che ha colpito il Messico nella tarda mattinata (ora locale, in Italia sera).

È di 248 vittime e di numerosi dispersi il bilancio provvisorio del forte terremoto che si è verificato ieri in tarda mattinata in Messico (in serata ora italiana). In questo momento, quando in Messico è ormai notte, i soccorsi proseguono in una situazione di grande paura e concitazione.