Mass media

Ultimi contenuti per il percorso 'Mass media'

«Siete nel pieno della giovinezza, non lasciatevela intristire, anzi fate fiorire tutta la creatività, propria di questa età, per scoprire o inventare nuove strade per portare il Vangelo nelle famiglie degli italiani». Sono gli speciali auguri del Papa per i 20 anni della trasmissione televisiva «A sua immagine», iniziata nell’autunno del 1997.

Nuovo appuntamento per la rassegna teologica, promossa dalla diocesi di Pistoia, «I linguaggi del divino» dedicato alla comunicazione. Venerdì 24 novembre, alle 17.30, la chiesa di San Filippo, a Pistoia, ospiterà la conferenza di Adriano Fabris, professore di Etica presso l’Università di Pisa e direttore del Centro interdisciplinare di ricerche e di servizi sulla comunicazione, che parlerà del «linguaggio dell’etica».

A quindici anni, un ragazzo su due (56%) dichiara di aver subìto almeno una forma di bullismo negli ultimi sei mesi mentre il 51% ammette di averne compiute. Le forme più comuni sono di tipo verbale. Inoltre, il 16% è stato infastidito attraverso il computer o il cellulare (cyberbullismo). È quanto emerge dalla quarta annualità dello studio longitudinale «Crescere» curato dalla Fondazione Emanuela Zancan di Padova i cui dati sono stati presentati oggi.

Si rinnova la presenza dei Gesuiti nella comunicazione della Santa Sede. Questa mattina, ore 9.30 in Vaticano, mons. Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la comunicazione (SpC), e padre Juan Antonio Guerrero Alves, delegato del preposito generale della Compagnia di Gesù, padre Arturo Sosa Abascal, hanno siglato l’accordo tra l’ordine religioso e il nuovo dicastero della Santa Sede, nato nel 2015 per volontà di papa Francesco per guidare il processo di riforma dei media vaticani.

Ieri sera la Sala Stampa vaticana ha definito come falso il documento rilanciato da un giornalista e «del tutto false e prive di fondamento le notizie» in esso contenute. Nel documento, diffuso da un giornalista, si attesterebbero dei pagamenti da parte del Vaticano «per gestire la permanenza fuori Italia di Emanuela Orlandi, scomparsa a Roma il 22 giugno 1983».