Mass media

Ultimi contenuti per il percorso 'Mass media'

Nella consueta conferenza stampa di presentazione del Comunicato finale sui lavori del Consiglio permanente, il Segretario generale della Cei ha risposto alle domande dei giornalisti su tanti temi caldi, dalla legge sul fine vita, all'emergenza lavoro. Ha anche illustrato la riflessione del Consiglio permanente in merito ai media cattolici, ribadendo la volontà dei vescovi di sostenerli.

La sua voce - che, a tratti incomprensibile, ma opportunamente sottotitolata, esprimeva grandissima sofferenza - è stata riprodotta a ripetizione. Il suo volto, la sua immagine, sono stati utilizzati senza pudore. Perché è accaduto questo? La risposta, dal lato degli organi d’informazione, è facile: per avere la notizia di apertura, per attirare l’attenzione di un pubblico sempre più distratto.

Una rivista che sia insieme “ponte, frontiera e discernimento”, i cui scrittori e giornalisti siano guidati da inquietudine, incompletezza e immaginazione. Questa, nel pensiero di Papa Francesco è la Civiltà Cattolica, la rivista quindicinale della Compagnia di Gesù che ha raggiunto il traguardo del 4000 quaderni. Incontrando tutta la comunità della rivista, guidata dal direttore padre Antonio Spadaro, il Pontefice ha ricordato che i gesuiti sono chiamati ad uscire in missione nel mare aperto “e non ad andare in pensione a custodire certezze”. 

«È un traguardo davvero unico: la rivista ha compiuto un viaggio nel tempo di 167 anni e prosegue con coraggio la sua navigazione in mare aperto». Con queste parole il Papa, ricevendo oggi in udienza, presso la Sala del Concistoro, la comunità della rivista «La Civiltà Cattolica», ha salutato la pubblicazione del fascicolo numero 4000, occasione dell’udienza.

«Anche la buona notizia merita attenzione. Quella che fa crescere, costruisce e realizza. Il mondo ha bisogno di semi e testimonianze di speranza». È l’invito rivolto dal vescovo Franco Agostinelli ai giornalisti pratesi, invitati come ogni anno a celebrare assieme la festa di San Francesco di Sales, patrono degli operatori della comunicazione.