Diocesi di Arezzo

Ultimi contenuti per il percorso 'Diocesi di Arezzo'

A settembre riparte a pieno ritmo la vita delle Diocesi. A Lucca il vescovo propone le «comunità parrocchiali»; a Fiesole la riflessione sul tema del lavoro.  Firenze prosegue il Cammino sinodale sull’esortazione «Evangelii gaudium»; Grosseto si prepara alla seconda «Settimana della bellezza». A Pitigliano un incontro su Chiesa e mass media…

La Chiesa è «un’esperienza inclusiva», che da sempre aggrega popoli, culture ed etnie. Di fatto è la «più antica esperienza di globalizzazione al mondo». Occorre partire da questo, dalle proprie origini, dalla propria storia per «trovare mezzi più idonei per annunziare e rendere presente il mistero di Gesù Cristo» ai nostri giorni. Lo scrive l’arcivescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, mons. Riccardo Fontana, nella sua ottava lettera pastorale alla diocesi, dal titolo «Una Chiesa tutta ministeriale».

«L’evento del Perdono della Porziuncola deve intendersi come una manifestazione della misericordia infinita di Dio e un segno della passione apostolica di Francesco d’Assisi». Lo ha detto mons. Riccardo Fontana, arcivescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, che domani sera, alle 21, presiederà nella basilica dedicata a san Francesco la liturgia penitenziale.

Ha suscitato particolare interesse tra i nostri lettori la nomina del card. Gualtiero Bassetti a presidente dei vescovi italiani. «Don Gualtiero», come ancora in molti lo chiamano, è legato in particolare a tre Diocesi toscane: Firenze, dove è stato ordinato prete ed è stato Vicario generale, Massa Marittima-Piombino e Arezzo-Cortona-Sansepolcro delle quali è stato vescovo. Pubblichiamo due tra queste lettere.

«Siamo davvero felici e soddisfatti per la nomina del cardinal Bassetti, del nostro cardinal Bassetti, alla presidenza della Conferenza episcopale italiana, e tutta la Chiesa aretina-cortonese-biturgense si stringe attorno a lui in un grande, affettuoso abbraccio»: così ha commentato a caldo l’arcivescovo Riccardo Fontana questa mattina, pochi minuti dopo che il cardinal Angelo Bagnasco aveva annunciato la sua nomina da parte del Papa.