Economia

Ultimi contenuti per il percorso 'Economia'

Aiutare la Chiesa a portare il messaggio evangelico per realizzare un reale sviluppo umano integrale. L’invito del Papa all’annuale Conferenza Internazionale della Centesimus Annus Pro Pontifice a 25 anni dalla sua costituzione per volontà di San Giovanni Paolo II

L'Istituto per le opere di religione (Ior) ha pubblicato il bilancio 2017 all'interno del Rapporto annuale. Il bilancio è stato sottoposto a revisione contabile dalla società di revisione indipendente Deloitte & Touche S.p.A. In data 24 aprile, il Consiglio di Sovrintendenza dello Ior ha approvato all'unanimità il bilancio dell'esercizio 2017 e ha proposto alla Commissione Cardinalizia la distribuzione integrale degli utili realizzati alla Santa Sede.

«Elaborare nuove forme di economia e di finanza» attraverso «un discernimento etico» che superi l'egoismo miope dell'attuale sistema. È l'obiettivo del documento di due dicasteri della Santa Sede, presentato oggi in sala stampa vaticana. «Basterebbe una minima tassa sulle transazioni compiute offshore per risolvere buona parte del problema della  fame nel mondo», la proposta provocatoria.

Nel 2017 le segnalazioni di attività sospette (Sas) ricevute dall'Autorità di informazione finanziaria (Aif) della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano sono state 150, diminuite rispetto alle 207 dell'anno precedente. E' quanto emerge dal Rapporto annuale dall'Aif presentato oggi in sala stampa vaticana da René Brülhart e Tommaso Di Ruzza, rispettivamente presidente e direttore dell'Aif.

A marzo 2018, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,3% su base mensile e dello 0,8% su base annua (da +0,5% di febbraio). La stima preliminare era +0,9%. Lo rileva l'Istat, che oggi ha diffuso i dati dei «Prezzi al consumo». Ma per i prodotti agricoli i prezzi pagati agli agricoltori sono in caduta.

«Nel 2017 le famiglie hanno aumentato la spesa per consumi finali (+2,5% in termini nominali) in misura superiore rispetto all'incremento del reddito disponibile (+1,7%); di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie scende al 7,8% (-0,7 punti percentuali rispetto al 2016)». Sono dati diffusi oggi dall'Istat, presentando i Conti nazionali per settore istituzionale per gli anni 2015-2017.