Famiglia

Ultimi contenuti per il percorso 'Famiglia'

Sono anni che il Forum delle associazioni familiari ha elaborato il Fattore Famiglia e il voto lombardo suona anche come un premio agli sforzi compiuti sia sul piano nazionale che a livello regionale. Per le altre Regioni e per lo stesso governo italiano il messaggio è chiaro: «Si può fare!».

Le donne toscane sono oggi più istruite che ieri, partecipano maggiormente al mercato del lavoro, si laureano di più che in passato - anche nelle discipline scientifiche e tecniche, in ingegneria e in matematica e con numeri, in questo caso, più alti perfino di Germania e Francia, anche se come lauree complessive rimaniamo fanalino di coda della Ue - ma al contrario di molti altri paesi europei le donne toscane fanno pochi figli o non diventano mai madri. 

Nella consueta conferenza stampa di presentazione del Comunicato finale sui lavori del Consiglio permanente, il Segretario generale della Cei ha risposto alle domande dei giornalisti su tanti temi caldi, dalla legge sul fine vita, all'emergenza lavoro. Ha anche illustrato la riflessione del Consiglio permanente in merito ai media cattolici, ribadendo la volontà dei vescovi di sostenerli.

Nella sua ampia prolusione al Consiglio permanente della Cei (20-22 marzo), il card. Bagnasco ha affrontato tanti temi, dal ddl sul fine vita all'emergenza lavoro, dalla grave crisi demografica, alla maternità surrogata, dalla vicinanza ai terremotati, alla solidarietà al vescovo di Locri, richiamando la politica alle sue responsabilità. Ecco una sintesi per tema.

La paternità è un dono gravoso: ci attribuisce una responsabilità che non dovrebbe intaccare la libertà di chi abbiamo generato.  Si tratta, attraverso l’esempio, il sostegno e il sentimento, di accompagnare una nuova vita a trovare la propria strada, a trovare se stesso ed infine ad essere genitore a sua volta.

Monsignor Pio Vito Pinto, decano della Rota Romana, traccia per il Sir un bilancio del corso di formazione per parroci sul nuovo processo matrimoniale che si è appena concluso, con l'udienza ed il discorso del Papa. Primo impegno per i 350 partecipanti: il «catecumenato matrimoniale», con i parroci che svolgono il ruolo di maestri e «consulenti» sul territorio e nelle diocesi, tramite gli uffici giuridico-pastorali.