Famiglia

Ultimi contenuti per il percorso 'Famiglia'

«Sono un avvocato che si occupa da anni e quotidianamente di amministrazioni di sostegno nonché di tutele (compresi i minori non accompagnati). Svolgo il mio lavoro con passione, diligenza, grande senso di responsabilità e, soprattutto, umanità. Non solo io ma anche tanti colleghi del Foro fiorentino. Credo che la tematica meriti un approfondimento e che debbano essere riportati anche altri punti di vista, oltre a quelli da voi riferiti». Silvia Marchese, nostra assidua lettrice, ci ha espresso via e-mail le sue perplessità su quanto da noi affermato nell’articolo «Amministrazioni di sostegno, i dubbi ancora da sciogliere», pubblicato nel numero 42 del 3 dicembre 2017, a pagina 6. Ben volentieri le abbiamo proposto di tornare sull’argomento, attraverso questa intervista.

Oggi, in Trentino, 8 cittadini su 10 vivono in Comuni che hanno adottato una serie di politiche «family friendly» che vanno da sconti sui servizi e sugli accessi a musei e spettacoli, fino  ad orari flessibili per i genitori. E l’esempio sta contagiando altri Comuni italiani. Se ne è parlato  nei giorni scorsi a Lucca, in un incontro di amministratori toscani.

È improprio continuare a parlare di «Sistema Paese». «Sarebbe più corretto parlare di Sistema e di Paese in maniera distinta» perché «il matrimonio si è sciolto e Sistema e Paese, separati in casa, convivono faticosamente sotto lo stesso tetto, spesso guardandosi in cagnesco» e scambiandosi accuse reciproche. Lo afferma il presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, presentando il Rapporto Italia 2018.

Il lavoro come priorità e emergenza sociale, la difesa della famiglia e della vita, la politica vissuta come vocazione e come servizio: questi i temi affrontati dal cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, nella prolusione al Consiglio permanente dei vescovi italiani (testo integrale). Sulla campagna elettorale in corso ha definito «immorale lanciare promesse che già si sa di non riuscire a mantenere». E sulle migrazioni, no a una cultura della paura che può evocare «discorsi sulla razza che pensavamo fossero sepolti definitivamente».

I genitori «sono i custodi» della vita dei propri figli, «non i proprietari». A ricordarlo, sulla scorta dell’esperienza di Maria, Giuseppe e Gesù, che «crescono insieme come famiglia nell’amore reciproco e nella fiducia di Dio», è stato il Papa, nell’ultimo Angelus di quest’anno, celebrato nel giorno della festa della Santa Famiglia di Nazaret.