Famiglia

Ultimi contenuti per il percorso 'Famiglia'

Il card. Angelo Bagnasco ha aperto il Consiglio permanente, con il pensiero rivolto alla drammatica situazione del Centro Italia. Toccati nella prolusione (testo integrale) i temi di più stretta attualità: preoccupazione per la crescita della povertà assoluta in Italia e richiesta di un Piano nazionale volto ad arginarla (anche tramite il Reddito d’Inclusione), maggiore attenzione alla famiglia, legge sul fine vita, immigrazione ed accoglienza; e sul piano ecclesiale un focus sulla formazione permanente dei sacerdoti.

Tornano a salire gli italiani a rischio povertà o esclusione sociale: stando al recente rapporto dell’Istituto nazionale di statistica (Istat) su Condizioni di vita e reddito, nel 2015 ben il 28,7% dei nostri connazionali (mezzo punto in più dell’anno precedente) ha dovuto fare i conti con significative ristrettezze economiche.

“Oggi in Italia se ti separi hai più vantaggi: casa, asilo nido, refezione scolastica, meno tasse sulla prima casa, assegni di mantenimento… Come ci possiamo stupire se aumentano i divorzi, diminuiscono i matrimoni e crescono le convivenze?”: è la riflessione di Gigi De Palo, presidente del Forum famiglie, a commento dei dati del Censis.

Una provincia (292 mila abitanti circa) sempre più vecchia: per ogni 100 giovani con meno di 15 anni ci sono ben 192 persone over 65 che salgono addirittura a 220 considerando la popolazione formata soltanto da cittadini italiani. E’ uno dei tanti dati, sulla provincia di Pistoia, contenuti in un volume («Giovani e fare famiglia. Un’indagine sulla realtà pistoiese di oggi») che viene presentato venerdì 2 dicembre 2016 (inizio ore 15:30) nell’Antico Palazzo dei Vescovi di Pistoia su iniziativa del Centro Famiglia Sant’Anna.

«Uno, cento, ottomila città a misura di famiglia: l’Anfn, l’associazione che raduna le famiglie numerose in Italia, si ritrova in assemblea tra venerdì e domenica a Trento (dov’è in corso il festival della famiglia)». Lo rende noto un comunicato dell’associazione. 

Nel 2015 sono nati 485.780 bambini, quasi 17mila in meno rispetto all’anno precedente. Una diminuzione in atto da vari anni in Italia (-91mila neonati sul 2008) e che, secondo l’Istat, «prosegue e sembra rafforzarsi nel 2016» visto che «secondo i dati provvisori riferiti al periodo gennaio-giugno 2016, i nati sono 14.601 in meno rispetto allo stesso periodo del 2015».