Immigrati

Ultimi contenuti per il percorso 'Immigrati'

Sono stati cordiali i colloqui tra Papa Francesco e il re dei Paesi Bassi Willem-Alexander accompagnato in Vaticano dalla regina Máxima. Al centro del loro incontro, come riferisce la Sala Stampa vaticana, alcune tematiche di interesse condiviso come “la tutela dell’ambiente e la lotta alla povertà”, ed il contributo della Santa Sede e della Chiesa Cattolica su questi fronti. Inoltre si è discusso del “fenomeno migratorio, sottolineando l’importanza della pacifica convivenza tra culture differenti”, dell’impegno comune per “promuovere la pace e la sicurezza globale, con speciale riferimento ad alcune aree di conflitto” e delle “prospettive del progetto europeo”. 

«8.301 bambini salvati, 13mila gestanti assistite durante la gravidanza, quasi 18mila donne aiutate anche se non gestanti. Possibilità di rifugio e di accoglienza per donne vittime di pressioni per abortire o, comunque, oggetto di violenza. Una rete di ascolto per chiamate di emergenza attiva h24 per 365 giorni all’anno». Sono i principali dati che fotografano l’attività dei 349 Centri di aiuto alla vita, del servizio di emergenza «SosVita» e delle 41 case di accoglienza operanti sul territorio nazionale nel 2016.

La legge sullo «ius soli» è «un argomento molto importante in cui decidiamo il nostro futuro» e non si può affrontare come se fosse «in un ring» attraverso modalità da «far west». «Una classe politica che urla è il modo migliore per dimostrare che non sta cercando il bene comune»: lo ha detto oggi a Roma il card. Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento e presidente di Caritas italiana, durante la presentazione del Rapporto immigrazione 2016 Caritas/Migrantes.

Sono oltre 5 milioni i cittadini stranieri in Italia, l'8,3% della popolazione. Il 58,7% degli 814.851 alunni stranieri nelle scuole italiane sono nati in Italia. Le nuove generazioni sono al centro della XXVI edizione del Rapporto immigrazione 2016 di Caritas italiana e Fondazione Migrantes: tra le novità, l'aumento dei matrimoni misti e il calo dei matrimoni stranieri.

I bambini e i ragazzi nati in Italia e quelli che hanno frequentato almeno 5 anni di scuola «hanno il diritto di sentirsi cittadini italiani». Lo ribadisce mons. Guerino Di Tora, vescovo ausiliare di Roma, presidente della Fondazione Migrantes e della Commissione episcopale Cei per le migrazioni, in un’intervista al Sir sul dibattito politico in corso sull’approvazione della legge per dare la cittadinanza italiana a chi nasce (ius soli) e studia (ius culturae) in Italia.

Papa Francesco ha chiesto alla sezione Migranti e Rifugiati del nuovo Dicastero per il servizio allo sviluppo umano integrale di trovare occasioni per una azione di advocacy a favore dei diritti e della dignità di tutti i migranti e rifugiati. Al «Global compact for refugees» che l'Onu promuove nel 2018 la Santa Sede sarà presente con proposte di cui si sta discutendo oggi. Ce ne parla padre Fabio Baggio.