Siria

Ultimi contenuti per il percorso 'Siria'

«Il dialogo svela che la guerra e le incomprensioni non sono invincibili. Niente è perduto con il dialogo. Tutto è possibile con la pace!». Queste le parole pronunciate da Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio, alla cerimonia finale dell’incontro «Sete di pace» promosso a 30 anni dalla Giornata di preghiera per la pace convocata da Papa Giovanni Paolo II nel 1986.

Il Papa nel suo discorso ai partecipanti all’incontro promosso dalla Confederazione Europea degli ex Alunni dei Gesuiti, giunti a Roma per studiare le radici della migrazione forzata, ha rimarcato la necessità di agire contro la crisi umanitaria più grande dopo quella provocata dalla Seconda Guerra mondiale che coinvolge e travolge nel mondo più di 65 milioni di persone, costrette dalla violenza o dalla fame, ad abbandonare le proprie terre. Guerre e conflitti, ha detto il Pontefice, che sembrano irrisolvibili come quello in Siria o in Sud- Sudan ma che invece possono essere superati e vinti dal coraggio, dalla compassione e dalla generosità, la stessa che 35 anni fa mosse padre Arrupe.

«L’autentica ospitalità è un profondo valore evangelico, che alimenta l’amore ed è la nostra più grande sicurezza contro gli odiosi atti di terrorismo». Lo ha detto oggi Papa Francesco, incontrando in Vaticano gli ex alunni dei gesuiti, invitandoli ad accogliere i rifugiati nelle proprie case e comunità.

«Grazie di cuore. La ricostruzione di questa cattedrale è fondamentale affinché i cristiani restino ad Homs e le famiglie che negli ultimi anni hanno abbandonato la città vi facciano ritorno», così monsignor Jean Abdou Arbach, arcivescovo melchita di Homs, Hama e Yabrud, ringrazia Aiuto alla Chiesa che Soffre attualmente impegnata nel sostenere la ricostruzione della cattedrale melchita di Homs.

Era di martedì quell’undici settembre di quindici anni fa. Al di là dell’Oceano mai visto nulla di simile. In venti minuti, fra le nove e le dieci del mattino, uno dopo l’altro due aerei si schiantano sulle Torri Gemelle del World Trade Center di New York che si incendiano e in mezzora crollano su se stesse.

Tre milioni e mezzo di euro, tratti dai fondi dell’8 per mille alla Chiesa cattolica, da destinare ai profughi siriani. Li ha stanziati oggi la presidenza della Cei. Un primo finanziamento, di circa 2 milioni di euro, permetterà a 3.647 famiglie di profughi cristiani (caldei, siro-cattolici e siro-ortodossi) in fuga da Mosul e dalla Piana di Ninive di trovare temporaneamente alloggio in case in muratura, prese in affitto dalla diocesi Caldea di Erbil.

L'agonia della città siriana di Aleppo nelle parole del parroco latino di san Francesco, padre Ibrahim Alsabagh. La foto del piccolo Omran Daqneesh, il bambino di cinque anni colpito insieme ad altri piccoli nel quartiere Qaterji, da un bombardamento aereo, è l'immagine nitida dell'orrore di una guerra che nessuno vuole o può fermare. La tregua di 48 ore? "Tardiva e superficiale".

Due bambine siriane di 8 mesi e 5 anni sono tra i cinque corpi recuperati ieri mattina nel Mar Mediterraneo dopo che una piccola barca di legno si è capovolta a circa 22 miglia al largo delle coste libiche. Secondo i 21 sopravvissuti, soccorsi da Proactiva Open Arms, a bordo viaggiavano 27 persone prima che l’imbarcazione si capovolgesse e ne lasciasse in mare 6.