Unione Europea

Ultimi contenuti per il percorso 'Unione Europea'

(Bruxelles) «Dobbiamo restare uniti come Ue27. Solo così saremo in grado di condurre e concludere i negoziati del Brexit. La nostra unità sarà anche nell’interesse della Gran Bretagna». Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo è soddisfatto. Il summit straordinario di Bruxelles, convocato per definire le linee guida per il negoziato con Londra, non ha avuto sorprese e le stesse linee guida sono state varate nel giro di pochi minuti.

Avrebbe dovuto contenere essenzialmente la correzione dei conti pubblici italiani chiesta dall'Unione europea - la cosiddetta manovrina - era stato approvato «salvo intese» dal Consiglio dei ministri nella riunione dell'11 aprile ed è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale due settimane dopo. Ma è diventato un provvedimento di ben 67 articoli che già dal titolo rende l'idea della sua ampiezza e complessità.

Gli aspiranti all'Eliseo sono undici. Esaminando la campagna dei cinque principali contendenti, emerge un costante riferimento al rapporto tra politica francese e costruzione dell'edificio comunitario. I punti fermi di Marine Le Pen (Front National, destra), Jean-Luc Mélenchon (sinistra estrema), François Fillon (Républicains), Benoît Hamon (Partito socialista) ed Emmanuel Macron (movimento En Marche).

I presidenti della Conferenza delle Chiese europee (Cec), l'arcivescovo anglicano Christopher Hill, e della Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece), il card. Reinhard Marx, in una dichiarazione congiunta emessa al termine dell'incontro con il presidente della Commissione europea, ribadiscono il ruolo dell'Unione per la pace, la giustizia e la solidarietà.

Un momento politico molto significativo, una svolta storica per il Regno Unito ed esiste una serie di temi dei quali i vescovi cattolici stanno parlando col governo britannico. Nel giorno in cui la premier britannica Theresa May invoca l’articolo 50 del Trattato di Lisbona avviando, così, la procedura di divorzio del Regno Unito dall’Unione europea, Liam Allmark, portavoce della conferenza episcopale di Inghilterra e Galles, spiega che la Chiesa ha a cuore alcuni argomenti che diventeranno oggetto delle trattative tra Gran Bretagna e Ue.