Nucleare

Ultimi contenuti per il percorso 'Nucleare'

Ieri, sull’aereo che lo portava in Cile, per il Suo 22º viaggio apostolico, il Papa, come di consueto, si è recato a salutare gli operatori dei media che lo accompagnano sul volo papale, 70 in tutto. Introdotto dalla presentazione del direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke, il Papa ha rivolto ai giornalisti alcune parole, diffuse oggi dalla sala stampa vaticana.

A bordo del B777 dell’Alitalia che dovrebbe atterrare a Santiago intorno alle 20 (ora locale) il Papa ha fatto distribuire dal direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke, ai 70 giornalisti al seguito, una foto scattata a Nagasaki – di cui ha dato notizia il 30 dicembre il Sir – dopo l’esplosione della bomba atomica del ’45 con, sul retro, la firma e la scritta: «… il frutto della guerra»

Resterà spento «per un periodo indefinito» uno dei sette reattori del Belgio, dopo che l'Agenzia federale belga per il controllo del nucleare (Afcn) ha confermato che la capsula in cemento armato del Doel 3 non è più a norma, non avendo ricevuto gli interventi di manutenzione necessari.

Prepararsi all’incontro con il Signore in un clima di conversione e di penitenza ma sempre con la gioia nel cuore. Papa Francesco, commentando il Vangelo all’Angelus, ha indicato la strada da seguire per l’Avvento, un “momento favorevole – ha detto - per pregare con intensità”, “per essere più attenti alle necessità degli altri” e per “aprire strade di speranza nel deserto dei cuori aridi di tante persone”. Tutto questo però impone “atteggiamenti di mitezza e umiltà” perché vanno arginati “l’orgoglio, la superbia e la prepotenza”. Dopo la preghiera mariana, il Papa ha ricordato il prossimo vertice sul clima di Parigi, invocando “decisioni efficaci” anche per combattere la povertà. 

Dal gioioso incontro con i leader religiosi del Myanmar, alla profonda emozione provata nell’arcivescovado di Dhaka, chiedendo perdono ai profughi rohingya per l’indifferenza del mondo. Sono stati numerosi gli argomenti toccati da Papa Francesco nel corso della consueta conferenza stampa sul volo di rientro dal suo ventunesimo viaggio internazionale, il terzo in Estremo Oriente. Sollecitato dalle domande dei giornalisti, Francesco ha ripercorso le tappe fondamentali che hanno scandito i sui giorni da pellegrino di pace in Myanmar e poi in Bangladesh.