Pastorale

Ultimi contenuti per il percorso 'Pastorale'

«Un sussidio che, attraverso 10 schede, intende favorire un discernimento comunitario o di gruppo intorno alle prassi della pastorale giovanile che stiamo offrendo, vivendo, condividendo con i giovani». A proporlo è il Servizio nazionale per la pastorale giovanile (Snpg) in vista del tempo di discernimento pastorale che si aprirà a settembre e che porterà al Sinodo dei giovani del 2018.

«Non ha senso mettere in discussione l’esistenza e l’opera del demonio». Anzi, la nostra è un'epoca più tentata dal maligno delle precedenti. È il messaggio che arriva dal corso «Esorcismo e preghiera di liberazione» organizzato presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma dall’Istituto  Sacerdos  e dal Gris, in collaborazione con l’Associazione internazionale esorcisti (Aie).

«La cura e l'attesa. Il buon educatore e la comunità cristiana»: è il tema del XV convegno nazionale di pastorale giovanile che si svolgerà a Bologna dal 20 al 23 febbraio. Oltre 650 delegati da tutta Italia si ritroveranno per riflettere sul «ruolo centrale della figura dell'educatore» che, afferma don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale giovanile, «non è un solitario che va per la sua strada ma si costruisce attraverso un sistema educativo integrato…».

Quale atteggiamento avere di fronte ai giovani  che convivono?  Come comunicare loro la gioia della famiglia fondata sul matrimonio? Si è tenuta a Loppiano una giornata regionale per confrontarsi su un tema molto attuale, alla luce dell’«Amoris laetitia» di Papa Francesco.

Bisogna «verificare se la Parola di Dio occupi davvero il posto centrale nella nostra attività pastorale; dovremmo poter parlare non semplicemente di una pastorale biblica, ma di una animazione biblica dell’intera pastorale». Ne è convinto don Luca Mazzinghi, presidente dell’Associazione biblica italiana (Abi), commentando lo «stato di salute» della Bibbia in Italia.