Pellegrinaggi

Ultimi contenuti per il percorso 'Pellegrinaggi'

Video messaggio del Papa ai pellegrini raccolti al Santuario di Jasna Gora in Polonia, nel giorno della memoria liturgica della Madonna di Czestochowa:

«E’ una Madre vera, con il volto segnato, una Madre che soffre perché prende davvero a cuore i problemi della nostra vita. E’ una Madre vicina, che non ci perde mai di vista; è una Madre tenera, che ci tiene per mano nel cammino di ogni giorno. Questo vi auguro di sperimentare nel solenne Giubileo che state celebrando: sia il momento favorevole per sentire che nessuno di noi è orfano, in questo mondo di orfanezza nessuno di noi è orfano, perché ciascuno ha vicino a sé una Madre, Regina insuperabile di tenerezza. Ella ci conosce e ci accompagna col suo stile tipicamente materno: mite e coraggioso al tempo stesso; mai invadente e sempre perseverante nel bene; paziente di fronte al male ...».

Accogliere tutti, gratuitamente o con prezzi «estremamente accessibili», aiutare il pellegrino a fare silenzio e meditare. Queste alcune linee di comportamento che i vescovi francesi e spagnoli propongono in una «Lettera pastorale» rivolta ai luoghi di accoglienza e ospitalità cristiana disseminati lungo il cammino di Santiago di Compostela.

Una via di pellegrinaggio tra Firenze e Pistoia, nel nome di San Jacopo e di Celestino V. È la proposta del Centro Turistico Giovanile (Ctg): una proposta che si innesta sull’iniziativa che un gruppo di parrocchiani di San Jacopino ha già concretizzato da alcuni anni, ma che potrebbe diventare qualcosa di più strutturato e accessibile a tutti.
L’idea, spiega Riccardo Baldi del Centro Turistico Giovanile, è nata in Abruzzo, dove sono stati aperti alcuni percorsi sui sentieri legati al nome di San Pietro da Morrone, ovvero Papa Celestino V.

Ogni anno centinaia di giovani camminano insieme verso Assisi. Il tragitto toscano quest’anno parte da Livorno e passerà da San Vivaldo, la pieve di Romena, la Verna. Zaino sulle spalle e scarpe comode, pronti a condividere la fatica, la gioia dell’accoglienza nei paesi, le serate di festa nelle piazze, uniti dal desiderio di fare #unpassooltre

Nel 2017 ricorrono gli 800 anni di presenza francescana in Terra Santa. Una presenza viva ed efficace che lavora per la pace e la tolleranza. È lo stile dei 260 frati minori di 42 nazioni diverse, che operano in 50 santuari in tutto il Medio Oriente, la maggior parte dei quali in Terra Santa. Intervista al Custode di Terra Santa, padre Francesco Patton.

Dall’8 al 13 maggio responsabili della Caritas Italia, insieme a rappresentanti di alcune Caritas diocesane, hanno visitato le parrocchie palestinesi della diocesi di Gerusalemme. Scopo della visita, rende noto il Patriarcato latino di Gerusalemme, l’incontro con le «pietre vive» della comunità cattolica del Patriarcato di Gerusalemme.

Tante ombre e qualche luce: è la Terra Santa oggi nella descrizione di monsignor Pierbattista Pizzaballa. Una situazione destinata a restare grave se alle parole e alle dichiarazioni non si faranno seguire fatti concreti capaci di migliorare le condizioni dei suoi abitanti, non solo cristiani. Sul tappeto restano tante questioni aperte, tra queste, gli insediamenti, l'occupazione militare, lo stallo dei negoziati tra israeliani e palestinesi, il nodo Gerusalemme e, ora, lo sciopero dei detenuti palestinesi nelle carceri di Israele.

Sarà il Sepolcro di Gesù, completamente restaurato, ad accogliere le migliaia di pellegrini e fedeli che arriveranno a Gerusalemme per la Pasqua. Quest'anno la data del 16 aprile sarà unica per tutte le Chiese sia di Oriente sia di Occidente. Ma sarà anche un tempo di preghiera per tutte quelle comunità cristiane, specie di Siria e di Iraq, che vivono a causa delle guerre e delle persecuzioni, una Via Crucis che sembra non finire mai.