Profughi

Ultimi contenuti per il percorso 'Profughi'

Il commento al «Codice» varato dal governo del portavoce del coordinamento italiano delle Ong (Cini) Antonio Raimondi: «Dichiarazione Onu dei diritti dell'uomo e le sue Convenzioni, a partire da quella inerente i diritti dei minori, base imprescindibile sulla quale orientare ogni azione operativa».

La sfida del Viminale, in accordo con l'Anci, è fare in modo che tutti i Comuni accolgano migranti in maniera stabile e strutturata attraverso il sistema Sprar, in modo da distribuirli equamente sui territori, assicurare una efficace integrazione ed evitare tensioni con le comunità. Un obiettivo lontano ma non utopico, visto che i numeri dei Comuni che aderiscono allo Sprar sono in continuo aumento.

Le parole di Renzi sull’emergenza migranti – «aiutiamoli a casa loro» – , oltre a fare esultare gli esponenti della Lega, che da tempo ripetono questa formula come un mantra, hanno suscitato perplessità da parte di tanti che hanno sempre sostenuto la linea di un’accoglienza non indiscriminata, ma generosa. Anche nell’ambito ecclesiale si sono registrate reazioni differenziate.

«Non si possono scaricare sugli operatori dell’accoglienza le funzioni che competono ai pubblici ufficiali»: lo ribadisce oggi una nota congiunta di Arci, Caritas italiana e Centro Astalli, in merito alla legge n. 46/17 che ha introdotto una serie di modifiche alla normativa in materia di protezione internazionale attribuendo agli operatori dell’accoglienza l’onere della notificazione degli atti e dei provvedimenti ai richiedenti asilo presenti nelle strutture di accoglienza.