Sanità

Ultimi contenuti per il percorso 'Sanità'

«C’è tanto bisogno di diffondere una cultura della vita, fatta di atteggiamenti, di comportamenti. Una vera cultura popolare, seria, accessibile a tutti, e non basata su interessi commerciali». È l’appello rivolto oggi dal Papa ai membri della Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt), ricevuti in udienza nella Sala Clementina.

Nel 2016 sono nati centomila bambini in meno rispetto al 2008. Quell’anno le nascite erano state circa 576mila mentre nel 2016 appena 474mila. Il numero medio di figli per donna è sceso da 1,46 del 2010 a 1,35 nel 2015 (dati Istat). Di crisi della natalità e di sicurezza del percorso nascita si è parlato al Congresso della Società italiana di pediatria che si è tenuto a Napoli nell’ambito di una tavola rotonda dal titolo «Nascere oggi in Italia».

Continuate a svolgere la vostra delicata opera spinti dalla carità, attenti alle necessità dei vostri piccoli pazienti, chinandovi con tenerezza sulle loro fragilità. È l'esortazione che Papa Francesco ha rivolto al personale medico e amministrativo dell'Ospedale pediatrico Giannina Gaslini, subito dopo aver offerto la sua personale carezza ai bambini dei vari reparti. Una visita breve, ma immancabile in questa fitta giornata nel capoluogo ligure. In quello che il cardinale arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco ha definito un santuario del dolore, il Pontefice ha asciugato le lacrime dei presenti e rimarcato che la sofferenza dei bambini è la più dura da accettare.

«La sofferenza dei bambini è certamente la più dura da accettare; e allora il Signore mi chiama a stare, anche se brevemente, vicino a questi bambini e ragazzi e ai loro familiari. Tante volte mi faccio la domanda: ‘Perché soffrono i bambini?’ e non trovo soluzione. Soltanto guardo il crocefisso». Lo ha detto Papa Francesco durante l’incontro con i bambini dei vari reparti all’Ospedale pediatrico «Giannina Gaslini» di Genova.

Il Consiglio centrale dell’Unione giuristi cattolici italiani (Ugci) «memore che l’atteggiamento ostruzionistico a proposte di leggi su temi etici ha spesso portato il Parlamento a legiferare successivamente in senso addirittura peggiorativo», ritiene «necessaria l’approvazione del Disegno di legge intitolato ‘Norme in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari al fine di evitare l’accanimento terapeutico’».