Sanità

Ultimi contenuti per il percorso 'Sanità'

Gli esperti e le autorità sanitarie sono unanimi. In Italia non è allarme epidemia, non c’è nessuna emergenza meningite ma esiste un «caso Toscana» da monitorare e tenere sotto controllo. Importante vaccinare le persone a rischio: bambini e adolescenti, oltre a adulti affetti da alcune patologie. No a «informazione fai da te» e  a «vaccinazioni a tappeto». E' bene rivolgersi sempre al proprio medico. Del tutto infondata la psicosi legata all'equazione immigrati–aumento casi meningite.

Continua il protrarsi di una gravissima carenza di sangue, in Toscana come in molte altre regioni, in particolare per i gruppi 0 positivo, 0 negativo, A positivo e A negativo. A livello nazionale si assiste a una richiesta da parte di molte regioni, per un totale di oltre 2.000 unità di sangue.

Migliorano le condizioni di salute della ragazza di 20 anni ricoverata dalla tarda serata del 31 dicembre al Santo Stefano di Prato, con meninigite di tipo C. La prognosi è ancora riservata ma i medici sono ottimisti. La buona reazione alle terapie dipende anche dal fatto che la ragazza era vaccinata.

Sono stazionarie le condizioni della ragazza di 20 anni ricoverata a Prato per meningite C, mentre un altro caso si è registrato a Impruneta, per un paziente di 55 anni questa volta, però, per meningite di tipo B. Anche in questo caso il servizio di igiene e sanità pubblica ha svolto l'indagine epidemiologica e sottoposto a profilassi antibiotica i contatti stretti, in particolare i familiari. Il paziente, precisa la Ausl, era giunto nel pomeriggio di ieri al pronto soccorso del presidio ospedaliero Santa Maria Annunziata di Firenze dov'è tutt'ora ricoverato.

Il laboratorio di immunologia della AOU Meyer di Firenze ha confermato la diagnosi di sepsi da meningococco di tipo «C» per un bambino di quasi due anni, deceduto nella tarda serata di ieri all’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze.

Una terza dose di vaccino antimeningococco C tra i 6 e i 9 anni; l'offerta attiva del vaccino alle comunità individuate come più a rischio dall'indagine dell'Agenzia Regionale di Sanità; apposite campagne di vaccinazione da condurre nelle scuole; la proroga al 30 giugno 2017 della campagna straordinaria di vaccinazione contro il meningococco C.

Le pareti della Radiodiagnostica del Meyer si trasformano in una giungla verdeggiante e affollata di coloratissimi animali. Da oggi, i bambini che dovranno sottoporsi a un accertamento diagnostico nell’ospedale pediatrico fiorentino, avranno a disposizione un ambiente rilassante e giocoso, in cui tutto è pensato per ridurre lo stress e il timore dell’esame. L’idea è di un’azienda toscana, la Grafix Wide Solution che insieme a un gruppo di partner ha realizzato e donato all’ospedale il progetto