Sanità

Ultimi contenuti per il percorso 'Sanità'

Siglata questa mattina la convenzione dal Presidente della Confederazione nazionale, Roberto Trucchi e dal dottor Alfredo Pontecorvi della Direzione Sanità ed Igiene del Vaticano. I volontari in servizio, soccorritori di livello avanzato, proverranno dalle Misericordie di tutta Italia e saranno a disposizione dei visitatori tutti i giorni e per tutto l’orario di apertura.

Un notizia usata «strumentalmente». Lo afferma Francesco Ognibene, caporedattore di «Avvenire», secondo il quale a Montebelluna «non è andato in scena un caso di eutanasia ‘clandestina’, la prima esecuzione di un testamento biologico con volontà del paziente di farla finita», come raccontato da diversi media, ma semplicemente, chiarisce dalle colonne del quotidiano, una morte «per cause naturali, senza prolungare una vita ormai purtroppo giunta al termine, alleviando il dolore».

“Se c’è un settore in cui la cultura dello scarto fa vedere con evidenza le sue dolorose conseguenze è proprio quello sanitario”. Con queste parole il Pontefice ha accolto in Vaticano i partecipanti all’Incontro promosso dalla Commissione carità e salute della Conferenza episcopale italiana. Nel discorso, Papa Francesco ha messo a fuoco luci e ombre che hanno caratterizzato gli ultimi anni, segnati da forti cambiamenti sociali e culturali. Così se da una parte “la ricerca scientifica è andata avanti”, non si può non riconoscere che non sempre lo stesso impegno è stato “assicurato per le malattie rare e neglette”. 

Un appello «per le malattie rare e neglette, verso le quali non sempre viene prestata la dovuta attenzione, con il rischio di dare adito a ulteriori sofferenze». A lanciarlo è stato il Papa, che ha ricevuto oggi in udienza la Commissione Carità e Salute della Cei, in occasione dei 25 anni della Giornata mondiale del malato e dei 20 anni dell’Ufficio nazionale per la pastorale della salute.

«No» al traffico di organi, «sì» a donazioni etiche. Si può sintetizzare così la dichiarazione finale stilata al termine del Summit vaticano sul traffico di organi e sul turismo dei trapianti, svoltosi il 7 e 8 febbraio presso la Casina Pio IV, sede della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, promotrice dell’iniziativa, a cui hanno partecipato esperti da tutto il mondo, compresi due provenienti dalla Cina.