Cinema

Ultimi contenuti per il percorso 'Cinema'

Dal 10 al 17 ottobre torna a Firenze il «Festival dei popoli», tradizionale rassegna di documentari giunta all’edizione numero 58. Musica e danza con i Beatles e il ballerino Sergei Polunin tra gli eventi. Una retrospettiva sarà invece dedicata al regista Kazuhiro Soda, che con i suoi «Observational Films» racconta il Giappone oggi nei suoi risvolti sociali e politici

Nel dicembre 1965 il regista e autore televisivo Angelo D’Alessandro fu autorizzato dallo stesso don Milani a salire a Barbiana per filmare la «scuola» e la vita di quella piccola comunità. Le immagini, 40 minuti girati in bianco e nero con il 16 mm, ritrovate dal figlio Alessandro dopo la morte del padre, sono ora un documentario che è stato presentato in anteprima al Festival del cinema di Venezia.

«Dunkirk» è una storia di attesa, di paura, di coraggio, di scatti d’ira, di esasperazioni emotive, di ferma volontà, di senso del dovere che confluiscono in un sacrosanto desiderio di sopravvivenza.

È stato mons. Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno e presidente della Commissione episcopale per le Comunicazioni sociali della Cei, a consegnare ieri, nel contesto della 74ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, il premio «Robert Bresson» al regista Gianni Amelio.

Il film di animazione «Cattivissimo me 3» dimostra come Gru da solo sia scarsamente autosufficiente e come non bastino nuovi personaggi velleitari a risolvere il problema.

Al via oggi la 74ª edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia (30 agosto – 9 settembre 2017). L’Associazione cattolica esercenti cinema (Acec) e l’Associazione nazionale dei circoli cinematografici italiani (Ancci) sono al Lido di Venezia con un proprio stand per seguire tutto il Festival, i film in cartellone, ma anche per organizzare una serie di appuntamenti per gli addetti ai lavori.

«The War» mescola con disinvoltura filosofia, saggezza popolare, logica militaresca, buoni sentimenti più forti dell’odio, legami di sangue e riferimenti biblici, cercando di legare il tutto con il montaggio, il senso del ritmo, la tensione e l’elemento principale, cioè l’attesa.

La pellicola punta senza mezzi termini al mix tra azione e commedia, non facilissimo da ottenere ma, a cose fatte, assolutamente vincente.