Musica

Ultimi contenuti per il percorso 'Musica'

Oggigiorno chi corteggia / incontra sempre più difficoltà / coi verbi al congiuntivo… sono le prime strofe del pezzo che il toscano Lorenzo Baglioni porta a Sanremo Giovani 2018, intitolato proprio Il congiuntivo. Ha già riscosso successo: perché è orecchiabile, certo, ma soprattutto perché affronta uno degli errori più stigmatizzati in Italia.

Certi aspetti del suo curriculum fanno venire un po’ in mente Lorenzo Baglioni: alla passione da sempre per la chitarra e il canto si aggiungono infatti una laurea in Scienze fisiche e astrofisiche, con il titolo magistrale ormai nel mirino, e l’insegnamento in una scuola superiore parificata. Ma le strofe e i ritornelli di Tommaso Favalli non parlano di leggi di Keplero, teoremi algebrici e neppure congiuntivi: pur non disdegnando stile e contenuti del toscano in lizza per Sanremo Giovani, i suoi «miti di riferimento» sono altri.

Sarà celebrato con un concerto in programma venerdì 8 dicembre, in occasione della solennità dell’Immacolata Concezione, il completamento del restauro e dell’ampliamento dell’organo della cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze, che – si legge in una nota – «grazie a questo intervento si dota di uno strumento musicale ricco di sonorità e all’avanguardia nella tecnologia, al pari di quelli maestosi delle grandi cattedrali europee».

Un concerto di musica corale ispirato ai brani più celebri della storia della musica sacra. È quello in programma domani, sabato 2 dicembre alle ore 16,30 a Siena nella Chiesa di Santa Maria delle Nevi (via Montanini, 4) nell’ambito del progetto MuSST – Musei e Sviluppo di Sistemi Territoriali, finanziato dal Ministero dei Beni delle attività culturali e del turismo che vede la collaborazione tra diverse istituzioni museali, di cui la Pinacoteca nazionale di Siena è capofila. L’evento rientra inoltre nelle iniziative promosse dal Mibact per la «Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità».

A San Miniato al Monte è già Natale domani, sabato 2 dicembre, alle ore 16. Con i cori La Martinella (direttore Ettore Varacalli) e Free Music Ensemble Gospel Choir (direttore Barbara Calamai) e la partecipazione dei monaci della comunità si potranno ascoltare canti natalizi della tradizione gospel ed europea.

Lucca Puccini Days, manifestazione che la città di Lucca dedica al suo più illustre concittadino, giunta quest’anno alla sua quarta edizione, presenta sabato 2 dicembre (ore 21.00, teatro San Girolamo) una nuova, intrigante versione di «Piccolo come le stelle», lo spettacolo che Elisabetta Salvatori ha dedicato alla vita di Giacomo Puccini, e che ha debuttato al Giglio in prima nazionale lo scorso dicembre 2016. Figura di riferimento del teatro di narrazione italiano, la versiliese Elisabetta Salvatori è famosa per la sua straordinaria capacità di narrare solo vicende vere, restituendo al pubblico, con la cura e la passione di una restauratrice, persone, luoghi e vicende rimasti nascosti.

Ad Arcidosso, in provincia di Grosseto, il Natale è giovane. È una scelta che guarda al futuro quella dell’amministrazione comunale dello splendido borgo del Monte Amiata che affida ai bambini e ai ragazzi del paese la realizzazione degli arredi luminosi che renderanno magica l’atmosfera nei giorni della festa più attesa dell’anno. La loro creatività renderà unica la quarta edizione di «Natale di Luce», il calendario che dal 6 dicembre (festa di San Niccolò, patrono di Arcidosso), al 6 gennaio propone tanti appuntamenti che sanno unire tradizione e bellezza.

Trio Agorà a Firenze, nell’ambito della sua prima tournée in Italia: uno alla chiesa St. Mark’s in via Maggio lunedì 27 novembre alle 18,30, e l'altro al Teatro del Sale mercoledì 29 novembre .