Teatro

Ultimi contenuti per il percorso 'Teatro'

Il primo applauso lo ha avuto quando ha dichiarato che da ora in poi il teatro si chiamerà Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e non più Opera di Firenze. L’era Chiarot, nuovo Sovrintendente dell’ex Teatro Comunale, che ha presentato la programmazione lirico-sinfonica e l’ottantunesimo Maggio, non poteva avere un’accoglienza migliore. Ha trasmesso la volontà di collaborare con tutte le istituzioni del territorio, ma, soprattutto, di riaprire il dialogo con la stampa e con il pubblico. «Il pubblico è parte integrante di quello che vogliamo fare. Occorre creare una programmazione che coinvolga più pubblico possibile». Da qui la collaborazione avviata con tutte le realtà territoriali preposte alla produzione musicale, tutte presenti alla conferenza stampa di presentazione.

Festival, manifestazioni, musica e concerti caratterizzano come sempre i mesi estivi anche in Toscana. Davvero tante le proposte e gli eventi. Ne segnaliamo solo alcuni   facendo tappa nelle province  della nostra regione.

Tempo d’estate e per i grandi teatri fiorentini di lancio delle nuove stagioni e relativi abbonamenti. Spara la Pergola, ovvero il Teatro della Toscana, che conclude il primo triennio da «Teatro Nazionale» (in attesa di sapere se vedrà riconfermato il titolo dal Ministero dei Beni e Attività Culturali) e spara il Verdi, la XX stagione targata Antico Teatro Pagliano.

Con lo spettacolo Faust al Teatro della Pergola debutta a Firenze il 10 luglio la terza  edizione  del META – Meeting of European Theatre Academies: una serie di seminari, conferenze, workshops e performances sui metodi delle pedagogie teatrali applicate nelle accademie europee. Tra le novità, un workshop in collaborazione con il Sant'Anna di Pisa sull'uso delle nuove tecnologie e della "realtà virtuale" nella formazione degli attori.

La parola che rende liberi e uguali. La parola che salva. Questo il filo conduttore di tutti gli eventi della Festa del Teatro 2017, organizzata dall’Istituto del Dramma popolare, che avrà il suo momento centrale con la messa in scena del Vangelo secondo Lorenzo, spettacolo che nasce in occasione del cinquantesimo anniversario della morte di don Lorenzo Milani.