Terrorismo

Ultimi contenuti per il percorso 'Terrorismo'

«Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me». È il versetto evangelico al centro dell’Angelus di ieri, pronunciato dal Papa davanti a circa 30mila fedeli, stando ai dati della Gendarmeria vaticana. Il Papa ha anche espresso il suo dolore per l'attentato in Egitto e invitato a pregare per il suo imminente viaggio in Asia.

(Papa Francesco)
Ci ha dato grande dolore, venerdì scorso, la notizia della strage avvenuta in una moschea nel nord del Sinai. Continuo a pregare per le numerose vittime, per i feriti e per tutta quella comunità, così duramente colpita. Dio ci liberi da queste tragedie e sostenga gli sforzi di tutti coloro che operano per la pace. La gente in quel momento pregava e anche noi in silenzio preghiamo…
Il pensiero per l’Egitto colpito dal terrorismo e il viaggio che sta per iniziare in Myanmar e Bangladesh. Nel cuore del Papa, al termine dell’Angelus, c’è stato anche il ricordo della tragedia dell’Holomodor, la morte per fame provocata da Stalin con milioni di vittime soprattutto in Ucraina.

Terrore ieri sera a New York, a poca distanza da Ground Zero. Un 29enne uzbeko ha centrato con il suo furgone dei cicilisti e poi ha minacciato i passanti con delle pistole. 8 i morti e 11 i feriti. L'uomo, ferito dalla polizia è stato arrestato. Sembra aver agito da solo.