Sesto Fiorentino

Ultimi contenuti per il percorso 'Sesto Fiorentino'

È arrivato oggi dal Ministero dell'Ambiente l'atteso parere integrativo per il progetto del nuovo master plan 2014-2029» di Peretola. Commenti positivi da Toscana aeroporti, dall'azionista Corporation America e dal sindaco di Firenze, mentre quello di Sesto Fiorentino attende di leggere il testo ma lo ritiene comunque una sconfitta « sconfitta per chi vuole a tutti i costi realizzare l’opera».

«È dovere della comunità internazionale e delle organizzazioni sovranazionali porre in atto quanto necessario al fine di assicurare la dignità della vita di ogni uomo e donna sulla terra, indipendentemente dal territorio di provenienza, dalla etnia, dalla religione e dall’appartenenza culturale». È quanto ha affermato ieri l’arcivescovo di Firenze, il cardinale Giuseppe Betori, in occasione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato.

Più attenzione alla marginalità e certezze sulle regole. E’ quanto chiede alla politica Alessandro Martini, direttore della Caritas di Firenze e delegato regionale per la Toscana, a due giorni dall’incendio nello stabile occupato dell’ex mobilificio Aiazzone nel Comune di Sesto Fiorentino che è costato la vita al trentottenne di origine somala messosi in salvo e poi rientrato nel capannone per recuperare i documenti necessari al ricongiungimento della moglie.

«Non è possibile che chi arriva qui debba trovare alloggio solo per strada». È il commento di monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, al rogo scoppiato ieri sera in un capannone in disuso a Sesto Fiorentino (Firenze), che ha provocato la morte di un uomo e altri due feriti.

Dopo che ieri hanno esultato i comitati ambientalisti che hanno ottenuto dal Tar della Toscana l'annullamento dell'autorizzazione alla costruzione del termovalorizzatore di case Passerini, oggi interviene con una conferenza stampa il presidente del Cispel, Alfredo De Girolamo che invita a leggere in modo diverso la sentenza e chiede alla regione di procedere subito ad una nuova autorizzazione, sanando gli aspetti tecnici ed urbanistici bocciati dal Tar.

Dal Tar della Toscana arriva uno stop alla realizzazione dell'inceneritore di Case Passerini, nel comune di Sesto Fiorentino. Il Tar, accogliendo i ricorsi presentati da Wwf, Italia Nostra e Forum ambientalista (al quale si sono unite in corso d'opera altre sigle ed anche lo stesso Comune di Sesto Fiorentino).  Ha annullato l'atto emanato dalla Città metropolitana di Firenze per dare il via libera alla costruzione del contestato impianto alle porte del capoluogo toscano.