Vita Chiesa

Ultimi contenuti per il percorso 'Vita Chiesa'

«Le ‘Grandi cose’ sono sintetizzate nella dignità della persona che, soprattutto quando sofferente, merita la massima attenzione da parte dell’intera comunità: scientifica, civile, politica». È quanto afferma Mariapia Garavaglia, presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione Luigi Maria Monti, a cui appartiene l’Istituto dermopatico dell’Immacolata (Idi), alla vigilia della XXV Giornata mondiale del malato dedicata al tema «Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente».

Domenica 29 gennaio è la 64a Giornata Mondiale dei Malati di Lebbra. A Lucca, come da tradizione, il gruppo Il Rigagnolo (legato all'Aifo, organizzazione che raccoglie e diffonde la testimonianza di Raoul Follereau) sarà presente in 47 parrocchie della lucchesia per offrire barattoli di miele locale per ricavare fondi da destinare ad attività socio sanitarie di lotta alla lebbra e di rafforzamento della sanità di base in alcuni paesi del mondo.

Tutti abbiamo nel cuore delle resistenze alla grazia: bisogna trovarle e chiedere aiuto al Signore, riconoscendosi peccatori. È l’esortazione di Francesco nell’omelia odierna della Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Papa – riferisce «Radio Vaticana» – parte dalla preghiera proposta alla Colletta, «La tua grazia vinca le resistenze del peccato», distinguendo diversi tipi di resistenze. 

5.275 euro: è tutto quello che resta sul conto dei Frati minori a settembre 2014, dopo che si ha notizia dell’ammanco da 20 milioni di euro per una strategia speculativa con investimenti in fondi ad alto rendimento fuori dall’Italia. Le indagini della magistratura non si sono ancora concluse, ma l’Ordine ha deciso di intraprendere anche un processo canonico per verificare la condotta dei membri.

Spaziano dal microcredito alla dispersione scolastica, dalla valorizzazione di migranti e rifugiati all’inserimento lavorativo dei giovani, dalla creazione di «botteghe di mestieri» fino ad affrontare il disagio sociale e promuovere l’accoglienza di persone prive di protezione umanitaria e sociale. Ma tutti vanno nella stessa direzione: ascoltare i bisogni del territorio per dare loro una risposta concreta secondo lo spirito di apertura e di accoglienza testimoniato da Papa Francesco.

I Frati Minori della Toscana lanciano la «festagiovani 2016». Il messaggio è che ognuno nasconde una storia bellissima, ogni persona è una magnifica opera d’arte del più grande artista di tutti i tempi: Dio! Sabato 9 aprile dalle 16.30 nella chiesa di Monte alle Croci a Firenze (a due passi dal Piazzale Michelangelo) l’incontro con alcune persone che hanno accolto la sfida a costruire un mondo migliore e hanno fatto di un desiderio che ardeva nel loro cuore lo scopo della vita e la loro missione. Persone che non hanno tenuto per sé i sogni che avevano, ma li hanno condivisi per restituire ciò che avevano ricevuto.