Missioni

Ultimi contenuti per il percorso 'Missioni'

Il prete cattolico bangladese William Walter Rozario è sparito da lunedì scorso, e cresce la preoccupazione per la sua sorte. È la drammatica notizia che arriva all’Agenzia Fides dal distretto di Natore, nel Bangladesh del Nord, proprio nelle ore che precedono la visita di Papa Francesco, il cui arrivo è previsto domani a Dacca, capitale del Paese.

Oltre 7.500 runner hanno partecipato questa mattina alla decima edizione della «Corsa dei Santi», la gara podistica promossa dalla Fondazione Don Bosco nel Mondo per aiutare le missioni e richiamare l’attenzione su un progetto al quale lavorano i missionari salesiani di Bangalore, in India, contro la consuetudine locale di far sposare bambine a uomini adulti, spesso ad anziani. 

Al termine dell'Angelus il Papa ha detto: «Oggi si celebra la Giornata Missionaria Mondiale, sul tema “La missione al cuore della Chiesa”. Esorto tutti a vivere la gioia della missione testimoniando il Vangelo negli ambienti in cui ciascuno vive e opera. Al tempo stesso, siamo chiamati a sostenere con l’affetto, l’aiuto concreto e la preghiera i missionari partiti per annunciare Cristo a quanti ancora non lo conoscono. Ricordo anche che è mia intenzione promuovere un Mese Missionario Straordinario nell’ottobre 2019, al fine di alimentare l’ardore dell’attività evangelizzatrice della Chiesa ad gentes. Nel giorno in cui ricorre la memoria liturgica di San Giovanni Paolo II, Papa missionario, affidiamo alla sua intercessione la missione della Chiesa e del mondo».

Domenica 22 ottobre si celebra la Giornata missionaria mondiale, che quest'anno ha per tema «La messe è molta». Un tema in in linea con l'Evangelii Gaudium di Papa Francesco che individua nel mondo, inteso come contesto esistenziale nel quale siamo stati posti dalla Provvidenza, il campo di grano biondeggiante nel quale vivere la nostra avventura di credenti.

«Cristo è risorto, e con Cristo risorto evangelizzeremo la Nigeria, l’Africa e il mondo». Con queste parole don Maurizio Pallù, il sacerdote di origini fiorentine rapito e liberato in Nigeria nei giorni scorsi, ha salutato questa mattina all'aeroporto di Peretola amici e confratelli delle comunità neocatecumenali di Scandicci, dove ha maturato la sua vocazione missionaria, venuti a salutare il suo ritorno.