Papa Francesco

Ultimi contenuti per il percorso 'Papa Francesco'

Papa Francesco ha ricevuto stamani una delegazione dell’Alleanza biblica universale, che riunisce circa 150 Società Bibliche nazionali con lo scopo di diffondere la Bibbia in tutti i continenti, ribadendo che «è vitale che oggi la Chiesa esca ad annunciare il Vangelo a tutti, in tutti i luoghi, in tutte le occasioni, senza indugio, senza repulsioni e senza paura»

Mercoledì 27 settembre Papa Francesco, all’udienza generale, ha ricordato che il poeta francese Charles Péguy (1873-1914) ha lasciato delle pagine stupende sulla speranza. Egli dice che Dio non si stupisce tanto per la fede degli esseri umani, e nemmeno della loro carità; ma ciò che veramente lo riempie di commozione è la speranza della gente. «Che quei poveri figli - scrive Péguy - vedano come vanno le cose e che credano che andrà meglio domattina».

Il cristiano non è un profeta di sventura, perché il suo annuncio è l’opposto: è Gesù, morto per amore e che Dio ha risuscitato a Pasqua. E questa speranza che viene da Cristo va testimoniata con i fatti e con la vita, amando anche quando non sembrano più esserci ragioni. Lo ha sottolineato Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale, tenuta in piazza San Pietro davanti a fedeli venuti da tutto il mondo, sul tema “missionari di speranza oggi”.

Oggi, al termine dell'udienza generale in piazza San Pietro, il Papa ha detto:

"Desidero annunciare che dal 19 al 24 marzo 2018 è convocata dalla Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi una Riunione pre-sinodale a cui sono invitati giovani provenienti dalle diverse parti del mondo: sia giovani cattolici, sia giovani di diverse confessioni cristiane e altre religioni, o non credenti. Questa iniziativa si inserisce nel cammino di preparazione della prossima Assemblea Generale del Sinodo dei Vescovi che avrà per tema I giovani, la fede e il discernimento vocazionale, nell’ottobre 2018. Con tale cammino la Chiesa vuole mettersi in ascolto della voce, della sensibilità, della fede e anche dei dubbi e delle critiche dei giovani...."

«Il Signore entra in pazienza… Entra in pazienza. È un esempio di cammino, non solo morire soffrendo sulla croce, ma camminare in pazienza». Lo ha detto il Papa, nell’omelia della Messa celebrata oggi a Santa Marta, in cui sulla scorta delle letture del giorno ha meditato il mistero della passione e della croce.

“Non pieghiamo mai la solidarietà alla logica del profitto finanziario”, perché in tal modo “la rubiamo ai più deboli”. A Bologna, in Piazza Maggiore, Papa Francesco ha incontrato i rappresentanti del mondo del lavoro e dinanzi a tanti giovani che non riescono a trovare un’occupazione e a quanti l’hanno persa e fanno fatica e reinserirsi ha ricordato che queste realtà non possono ridursi a semplici statistiche, ma richiedono “soluzioni stabili e capaci di aiutare a guardare al futuro”. Il Pontefice ha richiamato il recente “patto per il lavoro”, siglato dalle parti sociali e anche dalla Chiesa, così come il ruolo svolto da Chiesa, Comune e Università nella promozione di un umanesimo che dia respiro al domani.