Papa Francesco

Ultimi contenuti per il percorso 'Papa Francesco'

Nel comunicato finale dei lavori di lunedì 26 marzo all’eremo di Lecceto (Firenze), la Conferenza Episcopale Toscana esprime la sua gratitudine a Papa Francesco, che il prossimo 10 maggio tornerà nuovamente in terra di Toscana. Tra i temi affrontati anche la formazione al sacerdozio, le cause di nullità matrimoniale, l’attività delle Caritas toscane, la Facoltà teologica e l’Istituto superiore di scienze religiose, l’attività dell’Agesci.

«Quale festa è la più importante della nostra fede, il Natale o la Pasqua? La Pasqua». È cominciata con un dialogo con i fedeli presenti oggi in piazza San Pietro l’udienza, in cui il Papa si è soffermato sul triduo pasquale, che incomincia domani, «per approfondire un po’ quello che i giorni più importanti dell’anno liturgico rappresentano per noi credenti».

«Crocifiggilo!». Il grido della folla a Gerusalemme «non è un grido spontaneo, ma il grido montato, costruito, che si forma con il disprezzo, con la calunnia, col provocare testimonianze false». Lo ha spiegato ieri il Papa, nell’omelia della messa celebrata in piazza San Pietro – davanti a 50mila persone – per la Domenica delle Palme, giorno in cui si è celebrata a livello diocesano in tutto il mondo la Giornata della gioventù.

La Domenica delle Palme sarà celebrata a livello diocesano la 33ma Giornata mondiale della gioventù, in preparazione di quella internazionale di Panama (gennaio 2019). Ai giovani, per l’occasione, Papa Francesco ha rivolto un Messaggio, che «Toscana Oggi» ha pubblicato a febbraio e che prende spunto dalle parole con cui l’arcangelo Gabriele s’annuncia a Maria, una ragazza di Galilea.

«Un ampio documento», «un testo condiviso» redatto con «un metodo a tutti gli effetti sinodale»: così il card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi, ha definito il documento finale del pre-Sinodo dei giovani che «costituisce una delle fonti che contribuiranno alla stesura dell’Instrumentum laboris per il Sinodo». Tre le parti del documento. Ecco i temi.

Il Papa ha ricevuto oggi in udienza i Capitani Reggenti della Serenissima Repubblica di San Marino, Matteo Fiorini e Enrico Carattoni, i quali hanno successivamente incontrato il card. Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, accompagnato da mons. Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati.