Sacerdoti

Ultimi contenuti per il percorso 'Sacerdoti'

State lontani dalla superficialità e dalla ricerca vana di onori, rifugiate gli interessi materiali e la brama di guadagno; alimentatevi, invece, con la preghiera per essere "messaggeri della fede, felici di portare Gesù in ogni strada, in ogni piazza, in ogni angolo della terra". È la raccomandazione che Papa Francesco ha rivolto ai sacerdoti, consacrati e consacrate e seminaristi incontrati nel centro "La Macarena", ultimo evento della giornata a Medellin. Anche in una società piena di contraddizioni come quella contemporanea, il Signore continua a chiamare per portare con entusiasmo la testimonianza del suo amore.

«I giovani sono naturalmente inquieti». Lo ha detto, a braccio, il Papa, nell’incontro con il clero (testo integrale) nel Centro eventi «La Macarena» di Medellín. «Inquietudine – ha denunciato Francesco subito dopo, sempre fuori testo – che molte volte viene distrutta dai sicari della droga». A clero e religiosi il papa ha parlato soprattutto di vocazioni.

Il testo, curato dalla Segreteria generale della Cei, è frutto di un lavoro portato avanti a partire dal 2014. Il tema del rinnovamento del clero era stato riproposto con forza dall’esortazione apostolica post-sinodale «Pastores dabo vobis», dalla «Ministrorum institutio» di Benedetto XVI e richiamato più volte dal magistero di Papa Francesco.

«Tutto nasce dal suo essere prete». Papa Francesco, dopo aver pregato sulla tomba di don Lorenzo Milani, ha rimarcato con forza le motivazioni profonde dell'impegno del priore di Barbiana per i poveri (testo integrale). «Il gesto che oggi ho compiuto - ha detto il Papa - vuole essere una risposta a quella richiesta più volte fatta da don Lorenzo al suo Vescovo.. di essere riconosciuto e compreso nella sua fedeltà al Vangelo».

Nei sacerdoti giovani vedo la giovinezza della Chiesa, e li invito a vivere la vita sacerdotale guardano in alto e pensando in grande. Così Papa Francesco nell’udienza ai partecipanti all’assemblea plenaria della Congregazione per il clero, impegnata al servizio dei sacerdoti e della loro formazione. Ricordando la promulgazione, l’8 dicembre scorso, della nuova Ratio Fondamentalis per la formazione dei presbiteri, il Papa si è soffermato sulla missione dei giovani preti, chiedendo a parroci e vescovi di incoraggiarli e stare loro vicini. Non sono solo dei ricambi per riempire posti vuoti!

«Non riempire» i «posti vuoti» con «gente che non è stata chiamata dal Signore, non prendere da qualsiasi parte; esaminare bene la vocazione di un giovane, l’autenticità, e se viene per rifugiarsi o perché sente la chiamata del Signore». È il monito rivolto questa mattina dal Papa ai  partecipanti alla plenaria della Congregazione per il Clero, ricevuti in udienza.

Una lunga conversazione, animata da domande e risposte, e protrattasi oltre il previsto programma. Incontrando nella cattedrale di San Lorenzo la Chiesa ligure, in tutte le sue espressioni poliedriche, Papa Francesco ha dato alcune pratiche indicazioni per proseguire con coraggio nell’annuncio del Vangelo, nonostante le difficoltà del mondo contemporaneo. Certo i problemi non sono pochi, ma è importante anche imparare dai propri errori per dare poi risposte che non siano riduttive, ma creative, anche pensando alla crisi delle vocazioni.