Santi e beati

Ultimi contenuti per il percorso 'Santi e beati'

Una vera missionaria che ha saputo abbandonarsi pienamente all’amore di Dio sulla strada del servizio e della santità, una giovane Madre che ha dedicato la sua vita a consolare gli altri, in particolare i migranti, gli orfani, i disoccupati, gli sfruttati, con uno sguardo attento, misericordioso. Così il Papa ha ricordato Santa Francesca Saverio Cabrini, nel primo centenario della sua morte. Alle Missionarie del Sacro Cuore incontrate in Vaticano, Bergoglio ha chiesto di imitarne il carisma, e di essere fedeli alla sua missione, imparando a cogliere i segni del tempo per dare risposte concrete di fronte a nuove forme di povertà e di violenza. 

Domenica 5 novembre, 40° anniversario della morte di Giorgio La Pira, il card. Giuseppe Betori celebrerà una Messa nella basilica di San Marco, a Firenze, dove è sepolto il «Professore». Buone notizie sul fronte della causa di beatificazione apertasi a Firenze nel 1986: è stata conclusa la «Positio» sulla cui base la Congregazione per la Cause dei Santi, dopo aver fatto la sua valutazione, potrebbe decidere di sottoporre al Papa il riconoscimento delle «virtù eroiche» di Giorgio La Pira e quindi il conferimento del titolo di «venerabile».

In molti hanno provato  a leggere il pontificato  di Bergoglio in filigrana rispetto all’esperienza  del «poverello».  Le analogie  non mancano,  ma le semplificazioni sono rischiose.  La scelta francescana  non è vacuamente pauperistica: è l’innamoramento di chi si è sentito «rapire»  il cuore dal Signore e ha provato nostalgia di Dio. Da qui derivano l’amore per il creato, l’attenzione ai poveri, agli indifesi. Non è filantropia, né buonismo: è Vangelo