Arte & Mostre

Arte & Mostre stampa

Per il calendario delle mostre in Toscana clicca qui

Durante un intervento di restauro nella basilica di Santa Maria Novella, a Firenze, spostando una pala del Vasari è spuntato un prezioso affresco trecentesco. Secondo la ricerca compiuta da Gaia Ravalli, i cui risultati saranno presto pubblicati, potrebbe essere la più antica   raffigurazione di San Tommaso d’Aquino, rappresentato nell’atto di tenere la sua prima lezione all’università di Parigi. Il dipinto è stato inaugurato martedì scorso, dopo i lavori che hanno permesso di recuperarlo.

Memoria storica, contemporaneità artistica: prosegue anche nel 2020 l’attività espositiva della Fondazione Banca del Monte di Lucca e della Fondazione Lucca Sviluppo al Palazzo delle Esposizioni di Lucca. Dodici le mostre in programma. Si inizia venerdì 31 gennaio con «Il Viaggio» di Franco Anichini

Palazzo Malaspina ospita un percorso espositivo inedito che mette in primo l’arte dell’illustrazione per l’infanzia e incrocia i destini di tre grandi maestri, pluripremiati, autori di albi illustrati pubblicati in tutto il mondo. Si è aperta con un grande successo di pubblico la mostra «Teste per aria piedi per terra», la collettiva promossa dal Comune di Barberino Tavarnelle e curata dall’Ufficio Cultura del Comune di Barberino Tavarnelle che condensa in un’unica esposizione oltre 50 capolavori firmati da Arianna Papini, Fuad Aziz e Cecco Mariniello. Nomi conosciuti in Italia e all’estero per aver impresso il proprio segno nella storia dell’illustrazione e della favola italiana.

Nuovo intervento di tutela del patrimonio artistico nel complesso monumentale di Santa Croce: è stato presentato il recentissimo restauro del tabernacolo di Mino da Fiesole che si trova nella Cappella Castellani. L’opera, di immacolato marmo di Carrara, ha trovato nuova luce grazie all’intervento di Inner Wheel Club Firenze Medicea che dal 1998, con il contributo a diversi restauri, accompagna l’Opera di Santa Croce nella sua missione di tutela e salvaguardia.

Uno sguardo di tenerezza sui migranti che affrontano con speranza il loro viaggio, ma anche di rabbia per le tragedie del mare che segnano il fenomeno migratorio: c’è tutto questo nella mostra «Migranti» dell’artista Andrea Monastero allestita presso l’Istituto di istruzione superiore Gobetti-Volta a Bagno a Ripoli dal 20 al 25 gennaio. Quadri che affrontano la condizione dei Migranti, soggetto che dalla cronaca quotidiana diventa simbolo dell’uomo alla ricerca della propria identità

«Mi sono accorto che mancava una formazione adeguata per gli artisti non vedenti». A parlare è lo scultore bolzanese Andrea Bianco, ideatore e consulente didattico del percorso formativo in arti plastiche «I passi dell’arte», rivolto proprio ad artisti non vedenti e ipovedenti che si svolgerà a settembre alla Scuola di arte sacra di Firenze.

Dal 10 gennaio al 17 aprile la saletta conferenze nel Museo della Misericordia di piazza Duomo a Firenze ospita una mostra temporanea dedicata al ciclo delle sette opere di misericordia corporali. Il primo appuntamento è dedicato a “dare da mangiare agli affamati” con la mostra Avevo fame e saranno visibili documenti d’archivio e fonti iconografiche inedite: 4 pannelli, 18 documenti inediti, un manifesto, alcune foto storiche proiettate a ciclo continuo e oggetti del Servizio Aiuto Alimentare della Misericordia di Firenze, "Le dodici ceste".

«La regola di Piero» chiude il 2019 con oltre 32mila visitatori. È un successo straordinario quello che accompagna la mostra di Mimmo Paladino ad Arezzo, che in soli sei mesi di apertura ha fatto registrare un piccolo record di presenze. E proprio in virtù di un così importante partecipazione la mostra, aperta lo scorso 15 giugno e prevista fino al prossimo 31 gennaio, sarà prorogata fino al 31 marzo 2020.

Inizia il nuovo anno e i Musei del Bargello lo salutano con una serie di proposte pensate per estendere le occasioni di visita e per arricchire l’esperienza dei visitatori.
Nei giorni del lungo weekend dell’Epifania, a partire da venerdì 3 fino a lunedì 6 gennaio 2020, diverse saranno le iniziative che renderanno più facile scegliere di visitare i Musei del Bargello, tra l’ampliamento dell’orario ordinario di apertura e il consueto, attesissimo appuntamento con l’ingresso gratuito nella prima domenica del mese.