Arte & Mostre
stampa

Un libro per aiutarci a conoscere e apprezzare i capolavori d'arte cristiana

Firenze cristiana in sette percorsi

In questa intervista monsignor Timothy Verdon presenta il suo nuovo libro: una guida per scoprire, nell’Anno della fede, quel terreno culturale, religioso ed ecclesiale da cui sono nate le opere che milioni di persone vengono ad ammirare nel capoluogo toscano.

Percorsi: Anno della fede - Arte - Firenze
Battistero di San Giovanni, Firenze

L'Anno della Fede porta, a Firenze, una grande iniziativa. Si chiama «Firenze Cristiana» e offrirà una serie di strumenti per guardare alla bellezza di Firenze cogliendo, accanto all’aspetto storico e artistico della città, anche l’aspetto religioso. L’obiettivo è quello di fare in modo che i fiorentini, ma anche i milioni di visitatori che giungono da ogni parte del mondo, possano comprendere quella radice di fede cristiana da cui chiese, monumenti, opere d’arte sono nati.

A sottolineare l’importanza dell’arte e della bellezza come vie di evangelizzazione era stato l’arcivescovo di Firenze, il cardinale Giuseppe Betori, nel suo intervento al Sinodo per la Nuova Evangelizzazione che ha accompagnato, lo scorso ottobre, l’apertura dell’Anno della fede. «Evangelizzare - disse allora Betori - richiede di promuovere consapevolezza e accoglienza delle culture d’oggi, un atteggiamento disponile a cui però unire coraggio e fedeltà nel mostrare la forza risanante della parola della fede per un vero umanesimo». Ed è proprio su questo fronte, proseguiva Betori, che diventa importante il ruolo dell’arte sacra: «Una strada significativa di questo rapporto tra fede e cultura - lasciatelo dire all’arcivescovo di Firenze - è quella della bellezza e quindi dell’arte che ne è la matrice umana. Senza il cuore della fede, non avremmo oggi le opere del Beato Angelico, di Brunelleschi o di Michelangelo. Chi le contempla senza l’occhio della fede, ne ha una lettura inevitabilmente diminuita e contraffatta».

In preparazione dunque ci sono tante iniziative: percorsi di visita, formazione di operatori che possano aiutare le persone a cogliere l’aspetto sacro delle opere d’arte, il tentativo di mettere in rete chiese e basiliche per facilitare l’accesso ai visitatori. E in questi giorni esce il libro che apre questo cammino: si intitola Firenze cristiana. Cammini di fede e arte, è pubblicato dalla casa editrice Mandragora ed è scritto da monsignor Timothy Verdon. Direttore dell’Ufficio diocesano di arte sacra, direttore del Museo dell’Opera di Santa Maria del Fiore, grande esperto di arte cristiana, monsignor Verdon propone una «introduzione» alla visita di Firenze secondo alcune direttrici ben precise. Perché, come spiega lui stesso, l’arte fiorentina è in gran parte arte sacra e Firenze, forse più di altre città, si identifica con le sue chiese.

Monsignor Verdon, come è nato questo libro?

«Ha un’origine vicina, nasce da una proposta della Diocesi e che l’Opera di Santa Maria del Fiore ha accolto con entusiasmo: fare qualcosa, in occasione dell’Anno della fede, per invitare le persone a visitare la Cattedrale e le altre chiese fiorentine con uno sguardo che possa coglierne il vero significato. Allo stesso tempo, possiamo anche dire che questo libro nasce da lontano: raccoglie anni di lavoro che abbiamo fatto con l’Ufficio diocesano per la catechesi attraverso l’arte. Abbiamo potuto attingere dall’esperienza notevole che abbiamo accumulato, anche nella capacità di offrire tutto questo con un linguaggio narrativo semplice e comprensibile da tutti».

A chi si rivolge?

«Ai fiorentini, perché spesso succede che gli abitanti di una città la conoscano solo in modo superficiale: sono in tantissimi a chiederci di poter approfondire la conoscenza dei monumenti che fanno la storia e la bellezza di Firenze. Ma si rivolge ovviamente anche ai milioni di persone che ogni anno arrivano qua per motivi di intelligente curiosità umana e che non possono non notare che la maggior parte delle opere d’arte che ammirano hanno soggetti sacri, parlano di Gesù, di Maria, dei santi... Per essere più specifici, il libro si rivolge a tutti coloro che sono interessati al significato più vero e profondo di queste opere che non sono solo capolavori da ammirare, ma che originariamente sono nate per trasmettere la fede di chi le ha volute e di chi le ha fatte».

È un libro diverso, quindi, rispetto a una normale guida turistica...

«Su Firenze ci sono molti testi che presentano l’arte fiorentina come una miscellanea di opere di grande valore artistico. In questo libro invece si vuole raccontare anche quell’humus culturale, ecclesiale, religioso in cui queste opere sono state volute, pensate, realizzate. Rispetto all’arte ispirata a temi storici o mitologici, l’arte sacra riesce a metterci in contatto con un livello di profondità dell’animo umano che le altre espressioni artistiche non possono raggiungere. Il libro poi vuole anche condurre il visitatore verso un clima di raccoglimento e di preghiera: è per questo che ogni percorso è accompagnato da una parte, curata insieme a un biblista, don Filippo Belli, e a un teologo, don Andrea Bellandi, che propone brani della Bibbia e del magistero della Chiesa».

Lei scrive che Firenze si identifica con le sue chiese. In che senso?

«Anticamente, i cittadini fiorentini si presentavano attraverso la parrocchia di appartenenza: “sono del popolo di... ” dove il popolo, la plebs (da cui deriva il termine pieve) faceva riferimento a una chiesa, a un campanile. Questo è vero in tante città ma a Firenze è particolarmente documentato e visibile. Poi abbiamo l’arrivo degli ordini religiosi e la nascita delle grandi basiliche: gli Agostiniani di santo Spirito, i Francescani di Santa Croce, i Domenicani di Maria Novella, i Servi di Maria alla Santissima Annunziata... Gli abitanti di ogni quartiere avevano con queste comunità religiose un rapporto particolarissimo, che spesso dura anche oggi».

Il libro propone sette itinerari di visita, incentrati su luoghi o su temi. Ci sono proposte che anche per un fiorentino potrebbero rivelarsi sorprese? E per una persona che viene da fuori, da dove consiglia di cominciare?

«Per chi non conosce bene Firenze, il punto di partenza non può che essere la Cattedrale: il primo itinerario è incentrato sul Duomo ma consente anche uno sguardo complessivo sul centro di Firenze. Poi però ci sono anche tante altre possibilità di scelta, che ognuno può seguire secondo i propri interessi e le proprie inclinazioni. Chi è interessato alle tematiche sociali e caritative può fare il “percorso della carità”, che porta a conoscere le sedi di confraternite dove l’arte racconta storie di amore e di misericordia. Chi ha una particolare devozione per la Madonna può scegliere il percorso mariano. Poi ci sono il percorso sui crocifissi, quello sui cenacoli (particolarmente adatto, ad esempio, nel tempo pasquale), quello sul Beato Angelico e persino uno, molto interessante, suggerito da Bruno Santi, sui tabernacoli che si incontrano lungo le strade. A Firenze davvero le occasioni per fare scoperte sempre nuove non mancano!».

Betori: «Condurre il visitatore al raccoglimento e all’orazione»

Pubblichiamo il testo della prefazione con cui il cardinale Giuseppe Betori presenta ai lettori il libro «Firenze cristiana. Cammini di fede e arte»

All’inizio dell’Anno della Fede indetto da Sua Santità Papa Benedetto XVI allo scopo di ravvivare nella Chiesa «quell’anelito a riannunciare Cristo all’uomo contemporaneo» che innervò cinquant’anni or sono il Concilio Vaticano II, desidero salutare quanti nei prossimi mesi vorranno riappropriarsi dell’eredità di arte e di fede che Firenze offre al mondo. Desidero inoltre ringraziare l’Opera di Santa Maria del Fiore che, di concerto con l’Ufficio Diocesano dell’Arte Sacra e dei Beni Culturali Ecclesiastici, ha preparato sia il presente sussidio che altri strumenti intesi a guidare i pellegrini di quest’Anno alla riscoperta dei capolavori sacri. L’arte fiorentina, al contempo cristiana e umanistica, anticipa realmente nella bellezza l’affermazione dei padri conciliari secondo cui «solamente nel mistero del Verbo Incarnato trova vera luce il mistero dell’uomo» (Gaudium et spes, 22). L’incontro con il nostro patrimonio infatti favorirà un’esperienza della Fede non solo come sistema ma soprattutto come dono, suscitando in chi si apre al messaggio delle opere una risposta di gratitudine. Ognuna delle visite qui proposte vuol fare proprio questo: condurre il visitatore al raccoglimento e all’orazione.
Mentre visitate le chiese e gli altri luoghi della fede fiorentini, siate sicuri delle mie preghiere per voi e per le vostre famiglie.

Giuseppe Card. Betori
Arcivescovo di Firenze

Il presidente dell’Opera del Duomo: «Un nuovo approccio alla città ed ai suoi monumenti»

Pubblichiamo il testo della prefazione al volume del Presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore Franco Lucchesi

Nella indizione dell’Anno della Fede da parte del Papa Benedetto XVI, l’Opera di Santa Maria del Fiore ha veduto l’occasione per un ulteriore passo di esplicitazione del proprio ruolo in questo inizio del terzo Millennio.
Operando oggi in una società ampiamente scristianizzata, l’Opera infatti considera essenziale che al compito storico ed istituzionale di manutenzione e conservazione di un patrimonio artistico enorme per consistenza e rilevanza, si affianchi anche quello di ricerca e valorizzazione di senso su quanto affidatole in custodia. Il che si traduce nel «leggere» e riproporre monumenti, opere d’arte e manufatti non solo nella loro valenza storico-artistica ma anche nella loro capacità di rappresentare, oltre alla cultura ed alla tecnica, anche il sentimento religioso di quanti li hanno realizzati e, più in generale, della società del loro tempo.

Da questo intendimento nasce anche il presente volume: una esperienza di analisi di molti capolavori fiorentini alla luce di una lettura di Fede; ma anche una rappresentazione di Firenze, all’apice della sua potenza e del suo splendore, quale città impregnata di un diffuso sentimento di Fede e di Carità. Quindi un modo tutto originale di meditare e vivere quanto il Papa invita a fare, ritrovando nella bellezza, nell’ingegno, nel lavoro dell’uomo, posti a lode di Dio, fonti ispiratrici per una personale riflessione e per un rinnovato cammino di Fede.

E proprio l’idea del cammino, del pellegrinaggio, è alla base della scansione del volume di Timothy Verdon, Direttore del Museo dell’Opera di Santa Maria del Fiore, al quale va il nostro ringraziamento. Quanto il volume propone si presenta, così, come una sorta di guida ad alcuni pellegrinaggi segnati da itinerari che esplorano altrettanti aspetti della religiosità di un popolo e che documentano questa religiosità con opere di alto valore artistico ma, al contempo, di forte profondità di Fede.
La funzione di guida al pellegrinaggio viene poi sottolineata dai molti richiami di meditazione sulle Scritture e sul Magistero della Chiesa, per i quali il nostro ringraziamento va a don Andrea Bellandi ed a don Filippo Belli; richiami che interagiscono con la particolare lettura delle opere e che vogliono accompagnare il cammino di riflessione indotto da tale lettura.

L’auspicio dell’Opera è che, al di là della circostanza felice che ha costituito lo stimolo a questa pubblicazione, questa particolare chiave di lettura contribuisca non solo a far cogliere, nello specifico, una completezza di significato che la nostra sensibilità va perdendo, ma anche introduca criteri di approccio, alla città ed ai suoi monumenti, che, per la loro valenza più generale, permettano di meglio comprendere e godere gli stessi capolavori che l’Opera custodisce, aiutando a riconoscere in essi quella presenza di Dio che li lega più profondamente alla sensibilità di chi li ha concepiti e realizzati e che segna ogni esperienza di Fede.

Franco Lucchesi
Presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore

Firenze cristiana in sette percorsi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento