Cultura & Società
stampa

Da Grosseto ad Assisi per assistere all'oratorio "San Francesco e il Sultano"

Una mezza giornata di spiritualità ad Assisi, martedì 24 maggio, per poi assistere all'oratorio “S. Francesco e il Sultano” presso la basilica di Santa Maria degli Angeli.

santa Maria degli Angeli

E' la proposta nata in seno alla diocesi di Grosseto per “sfruttare” l'occasione della rappresentazione dell'oratorio nella città del Poverello, una delle tappe italiane del tour che sta toccando molte zone del mondo.

La partenza è prevista alle 13.30 da piazza Barsanti. Arrivati ad Assisi, ci sarà modo di sostare in preghiera presso la tomba del patrono d'Italia, prima di scendere a Santa Maria degli Angeli e partecipare, in Basilica, ai Vespri (ore 19) e assistere all'oratorio, che avrà inizio – ad ingresso libero – alle ore 20.00. Al termine rientro a Grosseto.

Se sarà raggiunto un numero sufficiente di adesioni, il viaggio sarà in bus, altrimenti con mezzi privati. Le prenotazioni vengono raccolte fino al 20 maggio (o fino ad esaurimento posti) via email scrivendo il proprio nome e cognome info@diocesidigrosseto.it

La proposta è aperta a chiunque desideri vivere una giornata in stile francescano. A fare da guida sarà il vescovo emerito Rodolfo, perché in quei giorni il vescovo Giovanni sarà impegnato a Roma nei lavori dell'assemblea annuale della Cei.

Un'occasione unica, peraltro, per assistere a questo oratorio, ispirato all’incontro fra san Francesco e il sultano Malek al-Kamil a Damietta nel 1219, di cui proprio tre anni fa si sono tenute celebrazioni ufficiali nella stessa città sul delta del Nilo, a cui ha preso parte, come autorità invitata, il vescovo Cetoloni. Ideato e progettato a Tripoli-Mina (città da sempre con molte tensioni politiche, dove i Francescani operano in mezzo ad una popolazione a stragrande maggioranza musulmana), prodotto dalla Custodia di Terra Santa ed eseguito in prima mondiale in Libano a novembre dello scorso anno, l'oratorio ha avuto un grande successo soprattutto il 25 marzo scorso, festa dell’Annunciazione, al palazzo dell’Unesco di Beyrut, che ha visto riuniti insieme i libanesi di tutte le confessioni religiose.

In questo periodo l'opera arriva in Italia toccando alcune città del sud, Assisi e, infine, a Roma presso la basilica dell'Ara Coeli. 38 i cantori, 5 i solisti, 27 gli orchestrali ed una decina di tecnici compongono la “squadra” che mette in scena l'oratorio, scritto dal prof. Bartolomeo Pirone, già docente ordinario di lingua e Letteratura araba presso la Facoltà di Studi Arabo-Islamici e del Mediterraneo dell’Università di Napoli “L’Orientale” e professore invitato presso il pontificio Istituto di Studi Arabi e d’Islamistica di Roma.

Personalmente credo che quest’opera lirica sia in linea con il pontificato di Papa Francesco che assumendo il nome dell’Assisiate ha stabilito il suo programma di azione. Lo sta concretizzando sia nei suoi vari interventi che nei documenti ufficiali come le Encicliche “Laudato si” e “Fratelli tutti” - dichiara p. Quirico Calella, frate minore del convento di San Francesco a Tripoli e organizzatore dell'opera - Non ci resta che continuare su questa strada incoraggiati dai recenti successi. La via della tolleranza, del dialogo e della fratellanza è e rimane la carta vincente non solo per il Medio Oriente ma per tutto il mondo”.

Fonte: Comunicato stampa
Da Grosseto ad Assisi per assistere all'oratorio "San Francesco e il Sultano"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento