Cultura & Società
stampa

Fil_Armonia, dal 4 al 16 settembre alla Certosa di Firenze un festival di musica e spiritualità, per “riaccordare” il mondo e tornare ad ascoltarlo

Otto appuntamenti per “riaccordare” il mondo e imparare nuovamente ad ascoltarlo: dal 4 al 16 settembre la Certosa di Firenze ospita Fil_Armonia, festival di musica e spiritualità, ideato e prodotto da La Filharmonie, giovane orchestra fondata nel 2016 e unico hub musicale under 35 in Toscana, con la direzione artistica di Giulio Arnofi e la direzione musicale di Nima Keshavarzi.

Percorsi: Cultura - Musica
Filharmonie orchestra

Sei concerti e due conferenze pensate per stimolare una riflessione sull’essere umano e il suo rapporto con la natura, fermandosi ad ascoltare, nell’epoca più frenetica e rumorosa della storia.

La musica entra nel luogo del silenzio: il complesso monumentale della Certosa, costruito nel XIV secolo alle porte della città, è stato infatti abitato per secoli dai monaci certosini che facevano del silenzio il metodo principale di relazione con la propria individualità, la comunità e il mondo. Oggi la Certosa è custodita dalla Comunità di San Leolino, che vi promuove iniziative culturali e spirituali.

In linea con la storia passata e presente della Certosa, La Filharmonie ha strutturato una rassegna di concerti, conferenze e spettacoli multidisciplinari che mette al centro la musica e la nozione di armonia. Si tratta della prima di un ciclo: questa prima edizione del festival Fil_Armonia è dedicata al tema della spiritualità, intesa nel senso più ampio possibile come dimensione in cui trovare un nuovo equilibrio con se stessi, gli altri e il mondo di cui facciamo parte. Le conferenze approfondiranno le relazioni tra musica, arti visive, filosofia e spiritualità mentre il programma musicale è dedicato in gran parte al Novecento e alla contemporaneità e si presenta come un viaggio attraverso brani caratterizzati da sensibilità molto diverse ma uniti dal filo rosso delle tematiche del festival.

Il luogo scelto è quantomai appropriato per un altro grande tema di Fil_Armonia: l’ecologia, intesa stavolta come ecologia acustica. L’inquinamento, infatti, non riguarda solo il Climate Change, ma anche la dimensione sonora, con comprovati danni psicologici e fisici per le persone e per il mondo animale. Una maggior consapevolezza del suono può aiutare a ripensare la progettazione delle aree urbane. Ma non solo: può favorire l’ascolto di sé stessi e del mondo.

“Fil_Armonia in italiano è una parola inventata. Il significato, però, è chiarissimo – dichiara Paolo Cognetti, tra gli ideatori del festival - ed esprime l’amore per l’ideale classico di un mondo musicalmente ordinato, prima dello «strappo nel cielo di carta» di pirandelliana memoria. Non si tratta di nostalgia del tempo perduto, ma di una ricerca diretta a ritrovare l’equilibrio dell’essere umano con sé stesso e con la natura, come profonda connessione di ogni cosa. E davvero questa riconciliazione sembra quanto mai necessaria oggi, dopo due anni dall’inizio della pandemia di COVID-19, con le conseguenze economiche e sociali che ne sono derivate e l’incertezza per il futuro, aggravata dalla guerra esplosa in Ucraina, ai confini dell’Europa. Ancora una volta dobbiamo interrogarci sul senso della nostra identità, non solo culturale, dobbiamo chiederci chi siamo e chi vogliamo essere, pena la definitiva decadenza delle nostre società”.

“Siamo convinti che la musica possa contribuire a sanare il nostro mondo scordato con il suo potere curativo perché aiuta a migliorare la capacità di ascoltare e nel suo essere un atto creativo può opporsi, simbolicamente ma non solo, alle forze distruttive – la guerra ne è la quintessenza - e rivelare un terreno fecondo sul quale intraprendere percorsi di trasformazione”, conclude.

Fondata nel 2016, La Filharmonie – Orchestra Filarmonica di Firenze è tra i sette complessi strumentali giovanili riconosciuti e sostenuti dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali in Italia, è stata inoltre vincitrice del concorso Smart&Coop 2017 sostenuto dalla Fondazione CR Firenze e Legacoop Toscana come migliore start-up culturale sul territorio. L’Orchestra, con i suoi oltre quaranta elementi, affronta flessibilmente la musica sinfonica e cameristica, il teatro musicale, l'opera e il balletto e le nuove forme espressive. La sua Stagione di Opera, Balletto e Concerti è frutto di una costante ricerca di elementi d’innovazione, delle nuove sonorità e nuovi allestimenti in dialogo con il grande repertorio lirico-sinfonico.

Nel corso delle sue Stagioni, la Filharmonie ha instaurato rapporti di collaborazione artistica e istituzionale con alcuni tra i maggiori protagonisti del territorio nazionale tra cui i Comuni di Firenze e di Campi Bisenzio, la Città Metropolitana di Firenze, la Camerata Strumentale Città di Prato, il Centro Studi Boccherini di Lucca, l’Associazione Mus.e Firenze, la Fondazione Accademia dei Perseveranti, il Nuovo Balletto di Toscana, l’Università degli Studi di Firenze, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, la Scuola di Musica di Fiesole, il Gabinetto Scientifico-Letterario G.P. Vieusseux, G.A.M.O., l’Associazione Compositori Musica per Film e il Festival Estate Regina di Montecatini Terme. L’Orchestra Filharmonie è gestita dall’omonima Associazione; ne è direttore artistico Giulio Arnofi e direttore musicale Nima Keshavarzi, e gode della prestigiosa collaborazione del M° Roberto Abbado in qualità di direttore ospite e consulente artistico onorario.

Fonte: Comunicato stampa
Fil_Armonia, dal 4 al 16 settembre alla Certosa di Firenze un festival di musica e spiritualità, per “riaccordare” il mondo e tornare ad ascolt...
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento