Cultura & Società
stampa

Firenze, al Teatro del Maggio il debutto wagneriano di Luisi con «L'Olandese volante»

Oggi, 10 gennaio alle 20, va in scena al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Der fliegende Holländer, che vede il maestro Fabio Luisi dirigere per la prima volta in Italia un'opera di Wagner.  L'opera (repliche il 13 gennaio  ore 15:30; 15 e 17 gennaio ore 20), in un nuovo allestimento del Maggio Musicale Fiorentino, ha la regia firmata dallo scozzese Paul Curran e le scene di Valerio Santoliquido.

Percorsi: Firenze - Musica
Olandese volante

Il soggetto dell'opera, composta nel 1840 e rappresentata all'Hoftheater di Dresda il 2 gennaio 1843, si ispira a un'antica leggenda nordica e ai ricordi autobiografici di Wagner di un avventuroso viaggio in nave dalla Prussia a Londra. Narra di un uomo condannato a vagare in eterno tra i mari a capo del proprio vascello fantasma, perché colpevole di aver imprecato contro Dio. L'uomo potrà essere strappato al suo infelice destino solo grazie all'amore puro e incondizionato di una donna che gli sarà fedele, ma l'impresa risulta quasi impossibile, poiché al comandante maledetto è consentito scendere dal vascello solo un giorno ogni sette anni. L'occasione propizia giunge dall'incontro con il marinaio norvegese Daland, la cui figlia Senta è irrimediabilmente attratta dalla misteriosa figura dello straniero della leggenda; sarà lei a porre fine alla maledizione dell'Olandese con il suo sacrificio d'amore.

Il Direttore Musicale del Teatro del Maggio, Fabio Luisi, dirigerà questa bellissima opera wagneriana, quinta nel catalogo del compositore e la prima che prende una drastica distanza dall'opera convenzionale. Le forme chiuse del melodramma  sono infatti quasi abolite: la melodia procede quasi senza interruzioni e compaiono i primi Leitmotiv, melodie associate a personaggi, oggetti o concetti astratti, che sono tutti introdotti nell'ouverture, che è un ampio affresco sonoro del mare in tempesta, in cui si susseguono il tema roboante del protagonista sottolineato dagli ottoni, il tema della redenzione associato a Senta e il richiamo del coro dei marinai..

Dice Fabio Luisi: «Der fliegende Holländer può considerarsi l'opera in cui Wagner - un Wagner molto trasparente e molto lirico - inizia a mettere a fuoco la propria poetica e anticipa soluzioni caratteristiche dei drammi successivi, sia per l'impianto musicale dove, nonostante i numeri chiusi, vi è il ricorso a un corredo di Leitmotiv che innervano la partitura, sia per la decisa svolta nella direzione del mito». «A mio avviso  - continua Luisi - questa è un'opera piena di passione e di mistero, è una favola per adulti con una glorificazione della fedeltà, prima sognata e poi vissuta.»

«Già dalle prime elettrizzanti battute appare chiaro che Wagner è stato un pioniere del suo tempo - scrive Paul Curran nelle sue note di regia -. La musica ci colpisce come una tempesta e non allenta la presa, finché l'Olandese e Senta non si ricongiungono nella morte. Nel portare in scena Der fliegende Hollӓnder, un regista contemporaneo deve affrontare molteplici sfide: non solo l'apparizione di fantasmi e di una nave fantasma, ma, cosa ancor più importante, lo svilupparsi della storia di una donna giovane e fortemente indipendente qual è Senta, molto diversa dalla maggior parte delle eroine di opere o dei drammi del suo tempo. Senta è, per me, un'antesignana del femminismo nella letteratura operistica. Lei non vuole essere migliore degli altri, ma desidera che le venga consentito di essere alla pari di chi ama. È un'idea affascinante e provocatoria per il 1840 che ha una forte risonanza al giorno d'oggi, XXI secolo: la donna moderna che sceglie di essere padrona del proprio destino». Dell'Olandese dice che è «un personaggio che cerca la redenzione non solo attraverso l'amore, ma anche attraverso un'analisi delle proprie azioni e decisioni.» I due amanti sono quindi due personaggi molto attuali e allo stesso modo lo è l'opera, e infatti così continua Curran:  «In un mondo in cui pare che in ogni situazione della nostra vita abbiamo a disposizione sempre ulteriori sussidi: computer, cellulari, wifi, viaggi, sento che l'Olandese volante parli con maggiore forza, più oggi che nel 1840. Esso forse ci ricorda, attraverso una gloriosa storia in musica, che dovremmo prestare attenzione a quel che chiediamo, perché potremmo essere condannati ad ottenerlo e a conviverci».

Der fliegende Holländer
Opera romantica in tre atti. Libretto e musica di Richard Wagner
Maestro concertatore e direttore Fabio Luisi - Regia Paul Curran - Scene Saverio Santoliquido - Costumi Gabriella Ingram - Luci David Martin Jacques - Aiuto regista Oscar Cecchi
Personaggi e interpreti
Daland Michail Petrenko
Senta Marjorie Owens
Erik Peter Tantsists
Mary Annette Jahns
Il timoniere di Daland Timothy Oliver
L'Olandese Thomas Gazheli

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino - Coro Ars Lyrica, Pisa - Maestro del Coro Lorenzo Fratini - Direttore del Coro Ars Lyrica Marco Bargagna
Figuranti speciali: Paolo Arcangeli, Giacomo Casali, Leonardo Cirri, Cristiano Colangelo, Giacomo Domenici, Cosimo Fabrizzi, Simone Faloppa, Stefano Francasi, Enrico L'Abbate, Manfredi Mariti, Matteo Mazzuccato, Leonardo Paoli, Pierangelo Preziosa, Domenico Spurio, Mauro Vizioli, Federico Zini
In lingua originale con sopratitoli in italiano e inglese a cura di Prescott Studio, Firenze con Inserra Chair (Montclair State University) e ICAMus, USA
Il programma di sala non conterrà il libretto dell'opera. Chi lo desidera potrà scaricare il testo in lingua originale e la traduzione in italiano di Der fliegende Holländer dal sito del Maggio Musicale Fiorentino.

Firenze, al Teatro del Maggio il debutto wagneriano di Luisi con «L'Olandese volante»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento