Cultura & Società
stampa

Firenze, lezione di economia circolare per 600 studenti delle superiori

Il futuro parte dalla scuola. Sono 17 gli studenti di sei scuole fiorentine coinvolte nel progetto “L’economia circolare va in classe” che, in rappresentanza di 600 dei loro stessi compagni di corso di studio che hanno preso parte all’iniziativa, hanno presentato idee e progetti sul tema dell’economia circolare, la sostenibilità e l’agenda 2030. Il progetto realizzato da UCID Firenze con il contributo di Fondazione CR Firenze e la supervisione scientifica di CircularCamp.

economia circolare

 Gli istituti scolastici coinvolti sono Buontalenti, Leonardo da Vinci, Sassetti Peruzzi, Russell-Newton, Istituto Salesiano dell’Immacolata, Marco Polo. Motivati, emozionati, particolarmente coinvolti e sicuri sono apparsi i giovani relatori agli occhi degli stessi loro insegnanti e dirigenti, testimoniando che anche in tempo di pandemia e di lockdown si possono ottenere risultati con diverse modalità di apprendimento e di socializzazione rispetto agli incontri in presenza. Il 65% dei giovani convolti nell’iniziativa è rappresentato da studentesse, il 35% da studenti. Oltre l’80% ha molto apprezzato i contenuti dell’iniziativa e si propone di farla conoscere ad amici e familiari.  Tra gli ambiti più apprezzati tra quelli trattati ci sono alimentazione, salute-benessere, stili di vita, scienze naturali e biologia, scienze tecniche e chimica, bioagricoltura, moda e turismo. 

Lorenzo Sciadini, responsabile scientifico del progetto, ha evidenziato come l’economia circolare avrà effetti positivi in tutti gli ambiti della vita; nonostante la sua popolarità, per la transizione all’economia circolare ci sono barriere che appaiono insormontabili. Pertanto l’approccio alla transizione deve essere sistemico, la politica deve operare in maniera attiva e proattiva, insieme a tecnologia e investimenti, assumendo un ruolo centrale e trainante. “Tutti, compreso il mondo dell’associazionismo e delle aziende. Ci attendiamo una nuova era di stretta collaborazione tra pubblico e privato”.

Coinvolti esperti quali il prof. Nicola Armaroli, l’arch. Francesco Cavallo, il dott. Nicola di Giovanni di Circular Farm, chef come Alessia Morabito che applica nella propria cucina con passione e rigore i principi dettati dall’economia circolare ed altri esperti che hanno aperto alle novità e prospettive derivanti dal cambiamento.

All’ultimo appuntamento in diretta social sono intervenuti tra gli altri Cecilia del Re assessore Comune di Firenze, il professor Nicola Armaroli, Bernard Dika delegato gioventù e innovazione di Regione Toscana, prof.ssa Noemi Ceravolo docente presso Ipsseoa Bernardo Buontalenti , don Leonardo Salutati docente di morale presso Facoltà teologica dell’Italia centrale, già assistente spirituale UCID Firenze. 

Fonte: Comunicato stampa
Firenze, lezione di economia circolare per 600 studenti delle superiori
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento