Cultura & Società
stampa

Giustizia, un libro per difendere le vittime di reato e le loro famiglie

Presentato oggi al Rettorato dell’Università di Firenze il libro “Investigare 4.0, Criminologia e Criminalistica-Viaggio nel mondo delle indagini”

Percorsi: libri

Nel nostro ordinamento giudiziario, la vittima tende spesso ad essere trascurata. Il codice di procedura penale si concentra sul processo, sull’operato dei giudici e sulla gestione e sui diritti dell’indagato e tende a trascurare la vittima di reato. E il delicato tema della vittimologia è stato oggi al centro di una mattinata di lavori organizzata dall’Associazione Nazionale Funzionali della Polizia di Stato, dall’Associazione Lorenzo Guarnieri e dall’Università degli Studi di Firenze, in cui è stato presentato il libro “Investigare 4.0, Criminologia e Criminalistica-Viaggio nel mondo delle indagini”.

Il volume, dal vice capo della Polizia prefetto Vittorio Rizzi e della professoressa Anna Maria Giannini, direttrice del dipartimento di psicologia generale presso “La Sapienza”, è il frutto della collaborazione di diverse professionalità che operano nel campo della sicurezza.     
Il testo si è avvalso del contributo di esperti del settore, che hanno una competenza specifica e consolidata nel tempo ma, soprattutto, hanno il valore aggiunto del riscontro nella pratica quotidiana del loro sapere.
Dalle pagine di ciascun contributo emerge, infatti, come la solidità della conoscenza “teorica”, frutto di studi e approfondimenti stratificati nel tempo, sia arricchita e illuminata dal significato che solo una straordinaria esperienza sul campo può fornire.

La presentazione che si è tenuta a Firenze, alla presenza della Rettrice dell’Università e del Prefetto e del Questore di Firenze, si è focalizzata sull’importanza di costruire un processo investigativo che tenga conto dell’importanza della vittima di reato, sia per avere una investigazione più efficace, sia per evitare fenomeni di vittimizzazione secondaria che danneggiano, spesso in modo irreparabile, le vittime di reato e le loro famiglie. Tutto questo in linea con la direttiva europea 219/2012 che stabilisce quali sono i diritti minimi delle vittime di reato.

Di questo, insieme ai curatori del libro, ne ha parlato anche Stefano Guarnieri, vice presidente dell’Associazione Lorenzo Guarnieri e co-autore del capitolo dedicato alla vittimologia. In particolare, ha ringraziato la Polizia di Stato per il grande lavoro fatto con il progetto Chirone “linee guida per l’operatore di polizia nell’approccio con le vittime di scontri stradali e ferroviari” a cura del primo dirigente Elisabetta Mancini. Queste linee guida sono un esempio virtuoso di come la Polizia di Stato possa essere vicina in maniera corretta alle vittime di reato aiutandole in un percorso difficile e spesso solitario. Una dimostrazione pratica su come stare “dalla parte delle vittime”.

Fonte: Comunicato stampa
Giustizia, un libro per difendere le vittime di reato e le loro famiglie
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento