Cultura & Società
stampa

I grandi italiani e Dante, progetto dell’Associazione Case Memoria

"Nel nome di Dante" è il progetto con cui l’associazione nazionale Case della Memoria celebrerà in tutta Italia il legame tra il Sommo poeta e i grandi italiani di tutti i tempi.

Percorsi: Dante - Italia - Toscana
Dante

“Nel mese di gennaio 2021 un cartellone di eventi dal titolo Nel nome di Dante, I Grandi Personaggi rendono omaggio al Sommo poeta Dante declinerà una serie d’iniziative nelle singole Case della Memoria che sono 85 in  dodici Regioni – annuncia Adriano Rigoli presidente dell’associazione - Nel mese di aprile 2021, si prevede invece l’inaugurazione di una mostra itinerante dedicata a illustrare l’influsso che Dante ha avuto sulle opere o sul vissuto dei grandi personaggi”.

Nel territorio pratese, attraverso un progetto e un itinerario speciale, verranno valorizzati i luoghi danteschi che fanno riferimento alla Valle onde Bisenzio si dichina (Inferno XXXII, 56) ripercorrendo la vicenda del rapporto - tormentato - tra il poeta e i Conti Alberti che vengono citati in tutte e tre le Cantiche della Commedia.

Entrambi i progetti - quello su scala nazionale quello valbisentino - hanno ricevuto il patrocinio del Comitato nazionale delle celebrazioni per i 700 anni della morte di Dante Alighieri istituito dal ministero della Cultura ed entrano quindi a fare parte del calendario ufficiale degli eventi. “Siamo davvero soddisfatti di questo bel riconoscimento, Vaiano ha sempre coltivato e ritenuto preziosa la collaborazione a con l’Associazione Case della Memoria, anche in forza della presenza di tre monumenti come la Villa del Mulinaccio dimora di Filippo Sassetti, la Badia legata ad Agnolo Firenzuola e la casa natale di Lorenzo Bartolini a Savignano”, sottolinea il sindaco Primo Bosi.

Il rapporto tra Dante e la Val di Bisenzio si dipana tra leggenda e storia.  Appunto secondo la leggenda nel freddo inverno del 1285 il Poeta, mentre si trovava in viaggio verso Bologna trovò rifugio presso la badia di San Salvatore a Vaiano – più semplicemente presso la casa di un pastore - essere stato rifiutato dai “Conti Rabbiosi”, i Conti Alberti appunto, alla Rocca di Cerbaia.  Tutta la vicenda è stata recuperata attraverso il Codice Dantesco della Biblioteca dei Conti Clarecini de Dornpacher di Cividale del Friuli, oggi conservato nella Biblioteca Universitaria di Padova.

“L'itinerario si propone di valorizzare, sia dal punto vista culturale, sia dal punto di vista turistico i luoghi danteschi in Val di Bisenzio, le loro strutture medievali e gli scavi archeologici che sono stati effettuati recentemente sia alla Rocca di Cerbaia, sia alla Badia di Vaiano”, sottolinea Rigoli.

L'Associazione Nazionale Case della Memoria - lo ricordiamo -  mette in rete le abitazioni in cui hanno vissuto alcuni dei più importanti personaggi della cultura italiana e straniera: da Giotto e Boccaccio a Niccolò Machiavelli, da Galileo a Leonardo da Vinci, e poi Michelangelo Buonarroti fino ad arrivare a personaggi più vicini a noi nel tempo come Giosuè Carducci, Giovanni Pascoli, John Keats e Percy Shelley, Giuseppe Verdi, Pellegrino Artusi, Giacomo Puccini, Maria Montessori, Enrico Caruso, Antonio Gramsci, Gabriele D'Annunzio e fino ai protagonisti del Novecento. 

Fonte: Comunicato stampa
I grandi italiani e Dante, progetto dell’Associazione Case Memoria
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento