Cultura & Società
stampa

Minori migranti: a Firenze un dipinto realizzato insieme agli artisti delle favelas di Rio de Janeiro

Un mega dipinto nella corte interna dello Student Hotel di Firenze, realizzato dai ragazzi ospitati nelle case di accoglienza per minori stranieri non accompagnati Gulliver e Mondoinsieme, gestite da Il Cenacolo, cooperativa aderente al Consorzio Co&So. 

Percorsi: Firenze - Immigrati
Il mega dipinto (foto Sir)

Con loro hanno lavorato gli artisti della famosa community art Favela Painting, nata 12 anni fa con l' obiettivo di colorare le grigie baracche di Rio de Janeiro, i sobborghi di North Philadelphia fino ai campi rifugio di Lesbo e rendere la vita dei suoi abitanti un po' più dignitosa attraverso l'arte e la bellezza. Tre giorni di lavori intensi, 11 ragazzi coinvolti, e un'opera bellissima inaugurata oggi, con l'apertura dello Student Hotel.

Il progetto è nato dall'incontro tra Cenacolo e Charlie McGregor, Ceo & Founder TSH, che ha messo in contatto la cooperativa con la United Painting Crew.  «È stato un progetto nato per caso, una fortuita coincidenza - racconta Chiara Meiattini, della cooperativa Il Cenacolo -. Quello che doveva essere un problema di vicinato si è rivelato una grande opportunità di conoscenza e di condivisione. Abbiamo intenzione di continuare questa collaborazione con Favela Painting e The Student Hotel, soprattutto per dare ai ragazzi nostri ospiti una possibilità in più per integrarsi e migliorare la loro vita. Il nostro obiettivo è costruire progetti di accoglienza destinati ai migranti che si traducano sempre di più in occasioni di sviluppo per tutto il territorio».

Fonte: Sir
Minori migranti: a Firenze un dipinto realizzato insieme agli artisti delle favelas di Rio de Janeiro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento