Cultura & Società
stampa

Pisco, locali alla scoperta del distillato peruviano

Bar e ristoranti di Firenze alla scoperta del Pisco, il distillato tradizionale del Perù. Per dieci giorni, fino al 27 maggio, 23 locali lo offriranno ai loro clienti nelle sue diverse versioni (puro, mosto verde e acholado) proponendo degustazioni per tutti gli appassionati di cocktail. Oltre al capoluogo toscano, saranno della partita anche Pietrasanta e Siena. L'iniziativa è organizzata dall'Ufficio commerciale del Perù in Italia.

Percorsi: Enograstronomia - Perù
Pisco, locali alla scoperta del distillato peruviano

Il Pisco si ottiene dalla distillazione del mosto fresco di uva “pisquera” fermentato, senza aggiunta di acqua o zuccheri. Prende il nome dalla città peruviana di Pisco, termine che a sua volta deriva dalla parola uccello in lingua quechua, dato che nella grande baia su cui sorge nidificavano molti uccelli marini. La produzione risale all’epoca coloniale di fine XVI secolo ed è la prima acquavite di uva prodotta in tutto il continente americano. Alla vista è incolore, limpido e brillante, dal gusto equilibrato, caldo e persistente, leggero all’olfatto, fruttato, floreale e amabile. Lasciato riposare almeno tre mesi, ha un grado alcolico che varia tra i 38 e i 48 gradi, con una media di 42 per le bottiglie più commercializzate. La produzione è regolata da una denominazione di origine controllata.

Qui il programma completo dell’iniziativa.

Pisco, locali alla scoperta del distillato peruviano
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento