Cultura & Società
stampa

Dal n. 28 del 18 luglio 2004

Se l'abito fa la sposa

Quello del matrimonio è fra i giorni più belli, più importanti nell'esistenza di una persona: si inizia un progetto di famiglia e di vita, si prende un impegno solenne davanti alla comunità religiosa e alla società civile: gli sposi cristiani sono addirittura ministri di un sacramento che su scala umana riproduce il «mistero grande» dell'unione di Cristo con la Chiesa. Al di là però della fede religiosa, in tutte le epoche le nozze sono state occasione di festa e di gioia ed hanno avuto un loro cerimoniale da rispettare e da seguire con scrupolo fin dall'antichità.
DI ELENA GIANNARELLI

di Elena Giannarelli
Quello del matrimonio è fra i giorni più belli, più importanti nell'esistenza di una persona: si inizia un progetto di famiglia e di vita, si prende un impegno solenne davanti alla comunità religiosa e alla società civile: gli sposi cristiani sono addirittura ministri di un sacramento che su scala umana riproduce il «mistero grande» dell'unione di Cristo con la Chiesa. Al di là però della fede religiosa, in tutte le epoche le nozze sono state occasione di festa e di gioia ed hanno avuto un loro cerimoniale da rispettare e da seguire con scrupolo fin dall'antichità.

Per lungo tempo furono le famiglie a scegliere per i giovani ed i due arrivavano ad unirsi in alcuni casi senza essersi mai visti prima, o dopo essersi incontrati di sfuggita e mai da soli. Non si conoscevano e ciò rendeva la futura convivenza un salto nel buio.

Fra i casi più inquietanti che la storia ci tramanda c'è quello di Maria Luigia d'Austria, la seconda moglie di Napoleone. Era la figlia del più fiero avversario del còrso e fin da bambina lo aveva identificato con il nemico. Lei e suo fratello avevano un pupazzo di legno, che chiamavano Napoleone e a cui tendevano agguati: lo trascinavano per i viali di Schönbrunn, lo insultavano, o sbatacchiavano. Ebbene, a Maria Luisa toccò sposare proprio Napoleone per motivi politici e per di più per procura.

È stato sempre importante il ruolo della sposa nella storia e la cerimonia fin dall'antichità si è centrata su di lei ed un valore particolare hanno assunto abito e velo. In ambito romano, la vestizione della ragazza precedeva alcuni riti particolari come la offerta a Giove di una focaccia di farro (confarreatio), mescolato con sale, che sanciva la unione e a cui assistevano il pontefice massimo, il flamen Dialis (il sacerdote del padre degli dei) e dieci cittadini, in rappresentanza delle antiche tribù, come testimoni.

Il rituale cambiò da periodo a periodo e in rapporto anche allo stato sociale degli sposi: parte integrante ne era il banchetto, insieme al finto ratto della sposa, al corteo verso la casa maritale, con canti di tipo scherzoso. Sulla soglia il marito domandava alla moglie il suo nome. La ragazza rispondeva con la formula di rito Ubi tu Caius, ego Caia intendendo dire che lo avrebbe seguito dovunque e sarebbe stata vicina a lui sempre, fiera di essere la moglie romana di un uomo romano (Caius è il prenome più antico e tipico della latinità). Poi la sposa veniva trasportata al di là dell'ingresso e fatta sedere sul lectus genialis (il talamo nuziale): la pronuba pronunciava le preghiere di rito. Una costante era il flammeum, il velo color fiamma di cui si copriva la donna nella cerimonia ed era anche l'antica bandiera rossa che indicava la presenza della nozze in una casa. Era il colore della modestia, legato all' arrossire della fanciulla, o il rosso del fuoco dell'amore che si augurava agli sposi, o allusione al sangue del primo rapporto o a quello della nascita dei figli. Il bianco, simbolo della verginità, della purezza, arrivò molto dopo.

Anche nel Medio Evo e nel Rinascimento l'abito da sposa era particolarmente ricco: per donne come Eleonora di Toledo costituì il pezzo forte del loro guardaroba, pieno di velluti, ricami, pietre preziose, maniche importanti, a dimostrare ricchezza e potenza delle due famiglie (quella di origine e quella in cui entrava). E veniamo ai nostri tempi: la sposa in bianco è da qualche secolo la norma. Ne fanno fede i matrimoni reali, succedutisi negli ultimi trecento anni; lo prova il velo che appunto da circa tre secoli indossano le spose della casata dei Ruffo di Calabria: cinque metri di pizzo, un vero tesoro di famiglia. Una nuvola di dieci metri di candido tulle, sorretto da un diadema di perle e brillanti si sono tramandate la regina Federica di Grecia, la figlia Sofia, sovrana di Spagna e la nipote, l'infanta Elena. Quest'ultima, ragazza moderna, che non aveva voluto damigelle al seguito, rimase incastrata nel portone centrale della chiesa e i paggetti che la seguivano cominciarono a calpestare il prezioso cimelio e a saltarci sopra fra l'imbarazzo e il divertimento di tutti.

Nulla però, quanto a stranezza, può superare la trovata di Lea Perkins, una fotomodella degli anni Settanta, che compariva spesso sulla rivista Playboy. Si doveva sposare e si presentò alla cerimonia vestita di velo di tulle beige, con un piccolo strascico. Al di sotto del velo indossava soltanto un minuscolo slip blu (in ossequio alla tradizione americana che vuole la sposa ornata da qualcosa di blu, oro, vecchio e nuovo). Il pastore allibito se ne andò; il matrimonio fu annullato e la sposa mancata ne ricavò pubblicità e un contratto per un libro sul galateo delle nozze. Eccessi a parte e tornando seri: se avete la fortuna di sposarvi, pensate pure ad un abito da favola, ma pensate soprattutto all'importanza del momento, alla gioia e alle responsabilità che vi si aprono davanti, soprattutto al grande dono di essere in due ad affrontare il futuro.
W gli sposi.
tIl thè di nozze
Lo sapevate che oltre ai pranzi, alle cene, ai balli, è esistito anche il «thè di nozze»? Fu una moda dell'inizio del Novecento: si programmava la cerimonia nel pomeriggio, in modo che alla fine del rito si potessero servire pasticcini e tartine, gelati, sorbetti e fette di torta, che veniva portata già tagliata agli stessi sposi. In tempi di ristrettezze economiche, fra gli anni venti e i trenta, sempre del Novecento, ci si sposava alle due del pomeriggio: il rito così si concludeva troppo tardi per offrire un pranzo, troppo presto per offrire una cena. Le famiglie se la cavavano con biscotti, vino e allegria.

Nulla a che vedere con i leggendari pranzi rinascimentali, quando le unioni matrimoniali fra casate illustri costituivano un prezioso aiuto sullo scacchiere della politica. È famoso il menù che rallegrò i convitati all'unione fra Roberto Malatesta e la giovane Isabetta nel giugno 1475: schiacciate di pinoli e mandorle, torte di formaggio e di erbette, capponi lessi in salsa di mandorle, arrosto «al savor verde» (una salsa simile al pesto). Fu solo l'inizio. Seguirono: prosciutto cotto nel vino, torte dolci-salate, anatre in «salsa ginestrina» (con zafferano e zenzero), arrosto di fagiani e pavoni, insalate di radici amare, storioni lessi, pesci farciti, ostriche ed una incredibile quantità di dolci in cui si sbizzarrì l'arte dei maestri pasticceri, capaci di riprodurre in pasta di mandorle perfino le rocche di famiglia dei Malatesta. Insomma ci fu un consumo di 8.600 paia di polli, 45.000 uova, 180 prosciutti, 40 forme di parmigiano, 13.000 arance, il tutto innaffiato da 120 botti di vino. E vissero felici e contenti, e non fecero nemmeno indigestione.

Se l'abito fa la sposa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento