Cultura & Società
stampa

Dal n. 19 del 15 maggio 2005

Sicurezza stradale, il rispetto delle regole s'impara in famiglia

Manifesti e spot con i volti dei ragazzi morti e dei genitori sgomenti, test per l'alcool fuori delle discoteche, autovelox e pattuglie volanti. Sono i tanti aspetti della campagna in corso a Firenze per rappresentare in maniera incisiva il numero altissimo di giovani che ogni anno perde la vita sulle strade. La cronaca quotidiana parla di quanto pericolosi sono i comportamenti di molti utenti della strada, ma il problema persiste e ogni anno in Italia il conto dei morti resta inalterato con una media di 10 mila morti, solo tra i giovani della fascia 15-24 anni, e circa 250 mila feriti. E alla Toscana va il record, poco invidiabile, di patenti «tagliate».
DI ENNIO CICALI

Sicurezza stradale, il rispetto delle regole s'impara in famiglia

di Ennio Cicali
Manifesti e spot con i volti dei ragazzi morti e dei genitori sgomenti, test per l'alcool fuori delle discoteche, autovelox e pattuglie volanti. Sono i tanti aspetti della campagna in corso a Firenze per rappresentare in maniera incisiva il numero altissimo di giovani che ogni anno perde la vita sulle strade. La cronaca quotidiana parla di quanto pericolosi sono i comportamenti di molti utenti della strada, ma il problema persiste e ogni anno in Italia il conto dei morti resta inalterato con una media di 10 mila morti, solo tra i giovani della fascia 15-24 anni, e circa 250 mila feriti.

Sono numeri che non sembrano fare paura. Le notizie sulle ripetute stragi del sabato sera e non solo – spesso si legge di «famiglie distrutte» sulla via delle vacanze – non bastano a far capire che, fatalità a parte, certe leggerezze si pagano.

Atteggiamenti incomprensibili, da chi va in auto con i figli piccoli, senza allacciare le cinture o assicurarli agli appositi seggiolini, ai tanti che si ostinano a guidare e contemporaneamente telefonare col cellulare. Da non dimenticare poi altri comportamenti, meno pericolosi, ma significativi di un totale disinteresse per le regole: parcheggiare in doppia fila, sulle strisce pedonali, sulle piste ciclabili, dimenticare la precedenza…

Il rispetto delle regole si apprende in famiglia, è questo il motivo conduttore di uno degli ultimi numeri di «Famiglia Oggi», interamente dedicato all'educazione stradale, con il contributo di diverse competenze, com'è tradizione del periodico.

Oggi prevale la diffidenza, dice Gregorio Piaia, dell'università di Padova, la velocità dell'auto e il suo isolamento dall'ambiente esterno, sia naturale sia umano, fanno sì che gli «altri» siano visti come entità estranee o come potenziali avversari da tenere a bada.

Nella vita di ogni giorno, i figli apprendono dai genitori, spesso inconsapevolmente, la pratica di certi comportamenti stradali. Acquista importanza, quindi, il senso dell'educazione stradale al centro dei lavori dell'Acinnova di Milano. Ne sono risultate alcune strategie che i genitori adottano verso i figli. «La strategia normativa – spiega Rosaria Viola, pedagogista – è quella di chi dice “Non attraversare con il rosso”. Con essa il genitore non motiva le regole, si limita alla trasmissione delle norme da conoscere». C'è poi la «regolativa», che comporta esortazioni generiche; quella dell'«esempio», che chiede al bambino di emulare il comportamento del genitore; quella dell'«allenamento emotivo» di chi vorrebbe che il figlio fosse in grado di cavarsela da solo; quella «proiettiva», per cui si spera che ognuno rispetti le regole; infine, quella «irrazionale», di chi si augura che non succeda niente.

Gli incidenti stradali hanno anche un elevato costo economico valutato in 160 miliardi di euro, il 2% del prodotto interno lordo della Comunità europea. Certi utenti della strada sono particolarmente vulnerabili: i giovani dai 15 ai 24 anni (10 mila morti l'anno), i pedoni (7 mila 61 morti), motociclisti (3 mila 673 morti), ciclomotoristi (2 mila 477 morti) e ciclisti (mille 818 morti) nel 2000.
Una «tragedia continua» che ha spinto l'Unione europea ad avviare una serie di azioni per porre fine all'ecatombe con l'obiettivo di dimezzare le morti entro il 2010. Claudio Venturelli e Roberto Quadalti, rispettivamente responsabile delle pubbliche relazioni e psicologo dell'Ausl di Cesena, esaminano gli interventi attuati in diverse realtà. La conclusione è che la sensibilità nei confronti della sicurezza stradale in questi anni è sicuramente cresciuta, eppure fatica a tradursi in comportamenti e abitudini. Per questo motivo è necessario dare ampio spazio agli interventi preventivi.

Il motorino e l'auto offrono agli adolescenti la libertà tanto desiderata. La prevenzione per i comportamenti a rischio non è normativa ma basata sul dialogo, dice Corinna Cristiani, docente di psicodinamica dello sviluppo dell'università di Milano-Bicocca. La conclusione è un consiglio per i genitori nel rapporto con i figli: invece di predicare quello che è giusto, sembra produttivo accogliere i loro pensieri e discuterne, aiutandoli ad avere più chiari percorsi e decisioni da prendere per diventare adulti e responsabili.

Negli ultimi trent'anni gli incidenti mortali sono sensibilmente diminuiti. Tuttavia per i giovani tra 15 e 24 anni il tasso di mortalità per incidente stradale è sostanzialmente invariato e questo sembra essere una costante nel mondo occidentale. Vari sono i motivi della condotta scorretta e nociva dei giovani al volante: uso di sostanze prima e dopo la guida, attrazione per il pericolo e la sfida, stanchezza, disattenzione e influenza del gruppo. La ricerca del rischio da parte di molti adolescenti, conclude Mauro Croce, docente di psicologia della scuola universitaria professionale di Lugano, può rappresentare l'occasione per cercare una legittimazione e una identità.

Il «patentino» non basta, afferma lo scrittore Tullio DeRuvo. La sicurezza stradale, specialmente quella dei giovani, è una delle emergenze del nostro tempo. Corsi per il «patentino», prediche, contravvenzioni possono servire, ma non avranno successo fino a quando i ragazzi non saranno aiutati a sentire, più che a capire, il problema della sicurezza. La sfida che tutti dobbiamo affrontare – famiglia e istituzioni – è quella di trasferire ai nostri figli, anche prima che comincino a guidare, non solo un sistema di regole ma una nuova cultura. Una cultura che purtroppo ci è in gran parte estranea.

Realtà a confronto
I vari paesi dell'Unione europea hanno in comune la cifra media di giovani vite stroncate da incidenti stradali. Diversi sono i livelli di sensibilità verso le norme, mentre i comportamenti umani dipendono fortemente dalla variabilità dei valori. Un dossier di «Famiglia Oggi» prende in esame cinque realtà (Italia, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Svizzera) che hanno in comune l'esigenza prioritaria di educare i giovani alla guida sicura e dare loro un comune senso di responsabilità. Di ogni paese sono messi a confronto i programmi di educazione stradale che hanno scarsa omogeneità tra Stato e Stato, dovuta ai diversi livelli di sensibilità sul tema della sicurezza stradale. In ogni Paese la scuola è al centro delle azioni, ma le modalità sono diverse secondo la specifica organizzazione scolastica.

In Toscana il record di patenti tagliate
Gli automobilisti toscani sono tra i più indisciplinati d'Italia, secondi solo a quelli dell'Emilia Romagna. È quello che risulta da una recente classifica elaborata dal quotidiano economico «Il Sole 24 Ore», su dati del ministero dei Trasporti e dell'Istat. In Toscana nel 2004 sono stati 211 mila 907 i tagli alla patente fatti dalla polizia stradale (150 mila le contravvenzioni) contro i 10 milioni 600 mila punti persi nel resto d'Italia. Sono da aggiungere poi i punti cancellati da carabinieri e vigili urbani.

I guidatori più colpiti sono stati quelli di Massa (345 punti persi ogni 1000 abitanti maggiorenni), al quarto posto dopo Ravenna, Modena e Forlì. Lucca è al secondo posto della graduatoria regionale (settima in Italia) con 318 punti. Seguono Arezzo (314), Livorno (312), Pisa (309), Pistoia (290), Firenze (289), Prato (280) e Siena (242). Grosseto con 201 punti, è l'unica città toscana al disotto della media nazionale, 225 punti.

L'alta velocità è l'infrazione più frequente con 33 mila 500 contravvenzioni, di cui 5 mila rilevate in condizioni di alto pericolo. Da notare che la polizia stradale in Toscana controlla il traffico delle grandi arterie (Aurelia, Firenze – Pisa – Livorno e Firenze – Siena) e ha competenza esclusiva sulle autostrade, oltre naturalmente alla viabilità ordinaria. Sono 30 i reparti operanti nella nostra regione.

Il mancato uso delle cinture di sicurezza è al secondo posto, come nel resto d'Italia, delle infrazioni contestate (7 mila). Sono 2900 gli automobilisti sorpresi a parlare al cellulare mentre guidavano. Duemila quelli alla guida in stato di ebbrezza e altri 284 sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.

È da ricordare che la Toscana è una regione ad alto transito e quindi interessata da flussi importanti di traffico. Inoltre, un ruolo importante è stato rivestito dai controlli legati alla campagna «Zero alcool», compiuti nelle zone dove più alto è il numero delle discoteche, come in Versilia che fa parte della provincia di Lucca.

Bici e motorino, come conoscerli
La bici e il motorino sono agili, scattanti, così poco ingombranti che si infilano dappertutto e arrivano dove gli altri non possono. La tentazione di zigzagare nel traffico, sfidando gli automobilisti prigionieri negli ingorghi, prendendo un senso vietato è forte. Ma sapete una cosa? Bisogna resistere.

Il motivo ce lo spiega «W la bici e il motorino!», un agile e utile manuale pubblicato dalla Giunti di Firenze (pag. 80 - tel. 055/5062391) in collaborazione con il Comune e la Polizia municipale di Prato.

«Il piacere di guidare sicuri» è il sottotitolo del volume destinato ai giovani da 8 ai 14 anni, ma può servire anche a chi ha qualche anno in più. In ogni pagina ci sono dei consigli utili, dall'abbigliamento al comportamento sulla strada.

Dei quiz aiutano poi a misurare quanto è grande l'amore per la bici e il motorino. I quiz sono un assaggio della raccolta ministeriale studiata per conseguire il patentino, obbligatorio anche per i quattordicenni.

Troppo sangue sulle strade delle vacanze

Il nuovo codice della strada

Sicurezza stradale, il rispetto delle regole s'impara in famiglia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento